fbpx

Carna tosta

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Carna tosta
 
Si nnèatu quanni u tìampu era d’amèaru,
i menzijùarni ccu lla sòdita minestra
u caminu era ssempri irtusu e spèaru
a vita bella a penzèavi alla finestra.
 
Si crisciutu ccu cipulla e pèanu e jermèanu,
ccu ‘ncantarèatu e ppatèati vulluti
mma si crisciutu ‘mpressa, forti e ssèanu
e cchill’anni quatrèari a nnu nenti fujuti.
 
Ccu nna zappa, appena facìa jjùarnu,
chilli terri i botèavi ppe cchiantèari
n’abbentèata nu pocu a menzijùarnu
e ttorna a zappa fina allu scurèari.
 
Mo tìani i cùasti stanchi e ccunzumèati,
mma contìnui sempri a ffatighèari
i spalli e du sudu i ttìani vruscèati
mma u nni vu sapiri e ti fermèari.
 
Tu si ffattu eccussi, si carna tosta,
a stanchizza tu u lla mancu canusci
ppe lla fatiga tu si ffattu apposta
e tti meravigli e chilli “gammi musci”.
 
Ha fattu tutti i mistìari e chilli terri,
d’ortudèanu, u furnèaru, u zappaturu,
u putaturu, u cannistrèaru, u grastaverri,
u ‘nzertaturu, u ricottèaru e llu metituru.
 
Mo tìani supa i settant’anni ma a matina,
ti susi prìastu all’orduru e da jinostra
a zappa è pronta, ppe d’illa un c’è lla fina
fin’acquanni cci si ttu, carna tosta.
Carne dura
 
Sei nato quando il tempo era triste,
i mezzogiorni con la solita minestra
il cammino era sempre irto e impervio
la vita bella la godevi dalla finestra.
 
Sei cresciuto con cipolla e pane di segale,
con carne in salamoia e patate bollite
ma sei cresciuto in fretta, forte e sano
e quegli anni da ragazzo in un niente passati.
 
Con una zappa appena appariva l’alba,
quei terreni li zappavi per piantare
una sosta un poco a mezzogiorno
e di nuovo con la zappa fino al buio.
 
Adesso hai le costole stanche e consumate,
ma continui sempre a lavorare
le spalle dal sole le hai bruciate
ma non vuoi saperne di fermarti.
 
Tu sei fatto così, sei carne dura,
la stanchezza tu nemmeno la conosci
per il lavoro tu sei fatto apposta
e ti meravigli di quegli sfaticati.
 
Hai fatto tutti i mestieri di quei terreni,
l’ortolano, il fornaio, lo zappatore,
il potatore, il canestraio, il castraverri,
l’innestatore, il ricottaio e il mietitore.
 
Adesso hai più di settant’anni,
ti alzi presto all’odore della ginestra
la zappa è pronta, per lei non c’è la fine
fin quando ci sei tu, carne dura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!