fbpx

A vecchiarella e da scupa e ddu saccu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A vecchiarella e da scupa e ddu saccu
 
Na vecchiarella tutta meadarriddutta,
ccu lli capilli janchi e lla fàccia chjina e surchi
ccu cchilla nasca pizzuta è propriu brutta!!
Ma illa povarella, u ffa mmèadu a nnullu.
 
Ppe triciantusissantaquattru juarni unn’esci,
ma quanni è lla notti e du sia e jennèari,
o nìvica o è bontìampu è dilla c’a resci,
e ccu cchillu scuru si mpesa a ccaminèari.
 
Intra nu saccu cci minta caramelli e jocarìalli,
intra na pezzulla, na junta e cìnnara e carbunu
a ccavallu a nna scupa va ttrova lli quatrarìalli
chi si sònnani tutti, ncuna cosa appedunu.
 
Quatta quatta, scinna cittu cumi a gatta,
intra ugne cimineja, sia se dàriga sia se stritta
inchìjari chilli quazìatti è pprìastu cosa fatta
mpressa si nni fuja, e ccampìa ncuna vitta.
 
Ma u ll’importa llu doduru, u fa ccu amuru,
e penza llu sia matina, a ttutti chilli quatrèari
quanni i quazìatti vèani spìcani e du muru;
illa vodissa èsari lla ppe lli bìdari prejèari.
 
Chèara vecchiarella tu u mmoriri mèaiu,
ancora ppe tant’anni vìani u sia e jennèari,
ca ppe nnu jùarnu, allìaggi ncunu guèaiu;
ca ppe nnu jùarnu gioìscini tutti i quatrèari.
 
La vecchietta della scopa e del sacco
 
Una vecchietta tutta malridotta,
con i capelli bianchi e il viso pieno di rughe
con quel naso appuntito è proprio brutta!!
Ma lei poverina, non fa male a nessuno.
 
Per trecentosessantaquattro giorni non esce,
ma quando è la notte del sei gennaio,
o nevica, o è bel tempo è lei che la vince,
e con quello scuro si incammina.
 
In un sacco ci mette caramelle e giochi,
in un pezzetto di stoffa, cenere e carbone
sale su una scopa e va a trovare i bambini
che si sognano tutti un regalo ciascuno.
 
Quatta, quatta scende cheta come una gatta,
in ogni camino, sia se è largo, sia se è stretto,
riempire quelle calze, è presto cosa fatta
veloce se ne scappa, e appare qualche livido.
 
Ma non importa il dolore, lo fa con amore,
e pensa al sei mattina, a tutti quei bimbi
quando le calze staccano dal muro;
lei vorrebbe essere là, per vederli gioire.
 
 Cara vecchietta, tu non morire mai,
ancora per tanti anni vieni il sei gennaio,
perché per un giorno attenui qualche dolore;
perché per un giorno gioiscono tutti i bimbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!