Chillu chi po e cchillu chi vo.

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Chillu chi po e cchillu chi vo
Na vamparella allu fùacu mortacina,
supra nu trìpitu na fressura ogliusa,
all’intra na patèata cavèata stamatina
sta frijìanni e dde chill’ùagliu è mpusa.
 
Allu cannizzu nu stùazzu e pèanu tùastu,
c’è a nna simèana e d’ùrtima mpurnèata,
u mpunna all’acqua dicìanni u Patrinùastu
ca ppuru ppe d’oji tena nna vuccunèata …
 
… è ppovarìallu e mmàngia chillu chi po’.
 
Na stanza e lussu, a tàvuda apparicchièata,
posèati e argìantu, piàtti e oru zecchinu,
a carna ccu llu pisci nu contornu e nzadèata
accumpagnèatu e da mèglia buttiglia e vinu.
 
E ppu u dùrciu, u cafè e lli mìagli amèari,
cchi cci va fa? è unu nèatu affurtunèatu!
tutt’i chiuriti e du munnu si po ccaccèari
u sordu intr’a sacca sua c’è annidèatu …
 
… è riccu e mmàngia chillu chi vo’.
Quello che può e quello che vuole
 
Una fiammella al fuoco quasi spenta,
su un treppiede una pentola con l’olio,
dentro una patata scavata stamattina
sta friggendo e di quell’olio è bagnata.
 
Alla dispensa un tozzo di pane duro,
è di una settimana, dell’ultima infornata,
lo bagna all’acqua dicendo il Padre Nostro,
perchè anche per oggi ha un boccone …
 
… è povero e mangia quello che può
 
Una stanza di lusso, la tavola imbandita,
posate in argento, piatti di oro zecchino,
la carne con il pesce, un contorno di insalata,
accompagnati dalla migliore qualità di vino.
 
E poi il dolce, il caffè e i migliori amari,
che vuoi farci? è uno nato fortunato!
tutti gli sfizi del mondo li può esaudire,
il denaro nella sua tasca, ha fatto il nido …
 
… è ricco e mangia ciò che vuole.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!