A rumanza e da trippa

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A rumanza e da trippa
 
Mo vi cuntu ssa rumanza,
fatta apposta ppe lla panza,
un c’è propiu nenti e fèari,
cca si tratta dde mangèari.
Stamatina appena azèatu,
na sazizza èaiu affettèatu,
ccu nnu stùazzu e pèanu friscu,
e d’è vistu a Sampranciscu!!
Doppi d’ùacchji duvi vèani?
Alla cannizza ccu lli pèani,
e bicinu, bìalli asciutti,
na bella vùaria e nnu prisuttu,
n’èatru stùazzu e pèanu friscu,
n’èatra vota a Sampranciscu!!
U rirogiu mo fa ll’otti,
mma alla trippa u lli nni fotti,
apru u stipu e ttùaccu mùallu,
mamma mia cchi cheapeccùallu!
Torna u pèanu e chillu friscu,
puru u Santu, Sampranciscu!!
“Mo si abbuttu finalmenti”?
“mma cchi ddiciti bella genti!
U mìagliu è mmo chi sta benìanni”
mìaru ancora e, jìanni jìanni,
nu boccacciu e fiàncu all’ùagliu,
chjinu chjinu e scarafùagli!
U pèanu, sempri chillu friscu,
u Santu,sempri Sampranciscu!!
Giru a mmancu e, giru ‘ntùarnu,
e sse ffattu menzijuarnu,
mmenz’a via era ccurchèatu,
sciancall’aria era sponzèatu!
Mo, dèatu c’a trippa chjina canta,
vena muglierma e mi domanda:
“a vodissa priparèata,
na bella fusillèata”?
Mo iu, ci vodìa ddiri no,
mma vistu ca a trippa a vò,
“fanella mo e du ‘ntuttu,
ca a nna rasella a vuttu”.
Sapìani bùani i dimmaggèati,
a currìa avìa ccrepèatu;
tant’avìa mmangèatu,
ca puru u Santu avìa ccangèatu!
U bidìa cchiù a Sampranciscu,
mma … a Madonna e du difriscu!
La romanza della pancia
 
Ora vi racconto questa romanza,
fatta di proposito sulla pancia,
non c’è proprio nulla da fare,
qui si tratta di cibo.
Stamattina appena alzato,
una salsiccia ho affettato,
con un pezzo di pane fresco,
e ho visto a San Francesco!!
Dopo gli occhi dove vanno?
Al graticcio con il pane
e vicino, belli asciutti,
una “voria” e un prosciutto,
un altro pezzo di pane fresco,
un’altra volta a San Francesco!!
L’orologio adesso fa le otto,
ma alla pancia non gliene fotte,
apro la credenza e tocco molle,
mamma mia che capocollo!
Di nuovo il pane, quello fresco,
anche il Santo, San Francesco!!
“Ora sei sazio finalmente”?
“ma cosa dite bella gente!
                        Il meglio, adesso sta arrivando,
cerco ancora e, piano piano,
un vasetto di fianco all’olio,
pieno colmo di ciccioli!
Il pane, sempre quello fresco,
il Santo, sempre San Francesco!!
Giro di qua e di la, giro attorno,
e si è fatta mezzogiorno,
davanti l’uscio mi ero disteso,
piedi in alto, ero sazio!
Ora, dato che pancia piena canta,
viene mia moglie e mi domanda:
“la vorresti preparata,
una bella fusillata”?
ora io, volevo dirle di no,
ma visto che la pancia la vuole,
“preparala dato che ci sei,
che in un angolo la metto”.
Erano ottimi quei fusilli,
la cintura avevo rotto;
tanto che avevo mangiato,
anche il Santo avevo cambiato!
Non vedevo più a San Francesco,
ma … la Madonna del Rinfresco!
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!