A miarudazza

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A miarudazza
 
A nna cima e nu carigliu,
na miarudazza ha ffattu u nidu,
illa avìa sudu nu figliu,
e ppizzudijèava a nn’ùassu e midu.
 
Sutta e illa, na panchina,
stèava llà ferma a ttant’anni,
fatta ccu ll’appoggia schchina,
ppe lla genti e novant’anni.
 
Chilla mìaruda e lla ssupa,
quanti fatti chi vidìa e ssentìa!!
e genti allegri, e genti cupa,
e ‘ntrallazzi e ccornariji.
 
E guagliuni chi jòcani alli carti,
chi si dìaticani ppe nnu nenti,
ugnedunu si tira lli sua parti,
na menzura, e ssu amici novamenti.
 
E vecchiarìalli lla assettati,
chi si cùntani fattarìalli,
e di tìampi mo passèati,
e quann’èrani giuvanìalli.
 
E giuvanelli ‘nnamurèati,
abbrazzèati ccu lli ziti,
uri e d’uri, lla assettati,
a ppenzèari deata e mmiti.
 
E na mamma c’anninna nnu guagliunu,
ppe llu fèari nu pocu riposèari,
e lli cunta fattarìalli e du trentunu,
finacquanni u llu vida addormentèari.
 
E muglieri penzerusi,
d’i tradimenti e di mariti,
ca c’è genti “taglia e ccusi”
chi ppe d’illi su cchiuriti.
 
Miarudazza miarudazza,
c’arricchji tanti fattarìalli,
e genti e ugne rrazza,
giùvani, vìacchji, brutti e bìalli.
 
‘ntrìagudi e ssi mmuta, vijèat’a ttia,
ca tu u sa cum’è llu dittu e tanni,
“mi fazzu i cazzi mia!!
E ccampu ppe cciant’anni”!!
La merla
 
A un ramo di un cariglio,
una merla ha fatto il nido,
essa aveva solo un figlio,
e beccava a un torsolo di mela.
 
Sotto di essa, una panchina,
stava li ferma da tanti anni
fatta con il poggia schiena,
per la gente di novant’anni.
 
Quella merla da li sopra,
quante storie che vedeva e udiva!!
Di gente allegra, e gente triste,
di intrallazzi e tradimenti.
 
Di ragazzi che giocano a carte
Che litigano per un niente,
ognuno fa valere le sue ragioni,
una mezzora, e sono di nuovo amici.
 
Di vecchietti li seduti,
che si raccontano fatterelli,
dei tempi ormai passati,
di quand’erano giovincelli.
 
Di ragazze innamorate,
abbracciate ai fidanzati,
ore e ore, li seduti,
a pensare data e inviti.
 
Di una mamma che ninna un bimbo,
per farlo un poco riposare,
gli racconta storielle del trentuno,
finchè non lo vede addormentare.
 
Di mogli pensierose,
dei tradimenti dei mariti,
perché c’è gente dispettosa,
e per loro sono sfizi.
 
Merla, o merla,
che odi tanti fatterelli,
di gente di ogni razza,
giovani, vecchi, brutti e belli.
 
Odi e stai zitta, beata te!
che tu lo conosci il detto antico,
“mi faccio i fatti miei!!
E campo per cent’anni”!!
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!