fbpx

Guardu ssi mèani

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Guardu ssi mèani
 
Guardu ssi mèani arrappèati,
ss’ugna tinti cumi carbuna,
a troppa fatiga ll’ho ccunzumèati,
ll’ho ccunzumèati i zappi e lli faciùna.
 
Guardu ssi mèani, c’è scrittu,
e chilli terri zappèati ccu ccura,
supa ssa Terra cch’è fattu?
Ppe ssempri è jettèatu sudura.
 
Guardu ssi mèani e c’è scrittu,
e di notti allu dustru e da duna,
mi susìa quanni ‘ntùarnu era ccittu,
ppe jjiri alli terri e di tinti patruna.
 
Mi guardu ssi mèani e cchi ddiaiu?
Signu vìacchiu assettèatu a ssa seggia,
u munnu va ssempri cchiù ppìaiu,
e ssu cori si ‘mmedena dde ràggia.
 
Chill’amuri chi c’era nna vota,
u rispettu  alli genti cchiù rranni,
guardu ancora ssi mèani ricoti,
dìaiu sudu nu ricùardu de tanni.
 
Povarelli! ssi mèani ammuscèati,
mo s’abbèntani una ccu ll’èatra,
chilli zappi e ffaciùni alliscèati,
su ll’onuri de mamma e dde pèatru.
 
Mi guardu ssi mèani allu spissu,
guardu e ddìaiu ssu tìampu passèatu,
e d’iu chìangiu propiu ppe cchissu,
ppe ssu munnu chi vodissa ccangèatu.


Guardo queste mani
 
Guardo queste mani appassite,
queste unghia nere come carboni,
la troppa fatica le han consumate,
le han consumate le zappe e i falcioni.
 
Guardo queste mani, c’è scritto,
di quei terreni zappati con cura,
su questa Terra che ho fatto?
Per sempre ho buttato sudore.
 
Guardo queste mani e c’è scritto,
delle notti al baglior della luna,
mi alzavo, quando intorno era muto,
per andar nei terreni dei rudi padroni.
 
Mi guardo queste mani e cosa leggo?
Sono vecchio seduto a una sedia,
il mondo va sempre più peggio,
e questo cuore si avvelena di rabbia.
 
Quell’amore che c’era una volta,
il rispetto verso la gente più grande,
guardo ancora queste mani congiunte,
leggo solo un ricordo di allora.
 
Poverette! Queste mani appassite,
ora riposano una con l’altra,
quelle zappe e falcioni consumati,
sono l’onore della mamma e del padre.
 
Mi guardo queste mani più spesso,
li guardo e leggo il tempo passato,
e io piango, proprio per questo,
per il mondo che andrebbe cambiato.
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!