fbpx

Vodissa llu munnu alla mmressa

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Vodissa llu munnu alla mmressa
 
Vodissa nàsciari e nùavu supa ssa terra,
ma no cumi tutti! Ma alla storta,
u ntellettu e nu vìacchiu voderra,
nàsciari e novant’anni, calanni fina a morta.
 
Mmeci e du ciccettu, mi facissa nu bicchìari,
a culla rimporzèata, ccu nna bella ferrijèata,
fatta e genti chi canusci llu mistìari,
e ttutt’i siri, na bella mbrijachèata.
 
Mammarella finalmenti un s’arraggiassa,
né perdissa ttìampu a m’anninnèari,
nu biberon e russu e di Pennini mi dunassa,
e mi dassassa chièanu chièanu addormentèari.
 
Alla scoda pijassa sempri deci,
a storia e du munnu, rigu rigu lli dicissa,
e di provessori poterra ffèari i veci,
ca nni sapissa ccosi, quanti nni sapissa!
 
Pu mi spusassa e ffacissa figli,
sempri cchiù vers’a morti mi nni jissa,
ma a llori ll’inchjissi dde cunzigli,
ccu lla penzioni, na chèasa lli facissa.
 
Pu, arrivèatu  novant’anni,
u ciccettu mpusu allu zùccaru cci vò,
n’appizzichèata e dattu alli minni
ridu, si mi guardu allu specchiu e du cumò.
 
U primu dentuzzu è ccampijèatu,
allu girellu tuttu u jùarnu stèaiu,
u primu fasciaturu lle cachèatu
e chièanu, all’èatru munnu mi nni vèaiu.
Vorrei il mondo al rovescio
 
Vorrei nascere di nuovo su questa terra,
ma non come tutti! Ma al contrario,
l’esperienza di un vecchio vorrei,
nascere di novant’anni via via fino alla morte.
 
Invece del ciuccio mi farei un bicchiere,
la culla rinforzata, con una bella inferriata,
fatta da gente che conosce il mestiere,
e tutte le sere una bella ubriacata.
 
Mamma finalmente non si arrabbierebbe,
né perderebbe tempo a farmi la nanna,
un biberon di rosso dei Pennini mi darebbe,
e mi lascerebbe piano addormentarmi.
 
A scuola prenderei sempre dieci,
la storia del mondo rigo dopo rigo gli direi,
dei professori potrei fare le veci,
perché ne saprei cose! Quante ne saprei!
 
Poi mi sposerei e farei figli,
sempre di più verso la morte andrei,
ma a loro li riempirei di consigli,
con la pensione, una casa gli farei.
 
Poi arrivato a novant’anni,
il ciuccio intriso nello zucchero ci vuole,
una poppata di latte al seno
rido, se mi guardo allo specchio del comò.
 
Il primo dentino è spuntato,
sto nel girello tutto il giorno,
le prime fasce le ho sporcate
e piano, nell’aldilà me ne vado
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!