fbpx

Viju

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Viju
 
Signu assettèatu a nnu settarìallu,
ccu lla schchina chjina e doduru,
è nnu piaciri quanni u tìampu è bìallu
guardèari ppe ssa via u passiaturu.
 
Viju quatrèari jochèari allu pallunu,
ccu scarpi e pezza e quazuni arripezzèati,
a faccia dorda cumi nu tizzunu,
ppe d’illi tutti i stessi su lli jurnèati.
 
Sìantu gridèati chièanu abbicinèari,
na fulla e genti apprìassi u carafunu,
è nnu mischcu e chiàngiari e ppreghèari
povarìallu, è nnu pòvaru guagliunu.
 
A mamma e ssu pòvaru sbenturèatu,
si tira lli capilli, si frància lla fàccia,
tena llu coru ppe ssempri signèatu,
e ojavanti sudu dàcrimi lli càccia.
 
Viju na vecchierella chi va lla rèasa rèasa,
ccu lla mèana s’appòggia a llu bastunu,
a stanchizza ppe cchilla fàccia è spèasa,
si guarda ‘ntùarnu chisà ll’aiuta ‘ncunu.
 
E nu barcunu s’affaccia na guagliuna,
e scotidia lla tuvaglia e menzijùarnu,
n’acelluzzu chilli mullichi a d’una a d’una,
na pizzudijèata, e nna guardèata ‘ntùarnu.
 
Viju a nna porta na dampadina russa,
cummoglièata ccu nna frasca e àdivu,
nu pecurèaru va a ssa porta e bussa,
mi guarda; “nu quartu mi ve vivu”!
 
viju appiccèari i dumi intra i chèasi,
i cimineji chi ‘ncìgnani a ffumèari,
ho ttrasutu tutti i panni spèasi,
na minestra, sto ppe ppriparèari.
 
Attramenti s’è ammuccèatu u sudu,
ppe ffèari postu alli stilli ccu lla duna,
mi piju u settarìallu e sutt’u cudu,
e rincasanni, m’arraccummannu alla furtuna.

 
 
 
 
 
Vedo
 
Sono seduto su uno sgabello,
con la schiena piena di dolori,
è un piacere quando il tempo è bello,
guardare per questa via il passeggio.
 
Vedo ragazzi che giocano a pallone,
con scarpe di stoffa e pantaloni rattoppati,
i visi sporchi come un tizzone,
per loro tutti uguali sono i giorni.
 
Sento grida, piano avvicinarsi,
una folla di gente dietro il carro funebre,
è un misto di piangere e pregare,
poveretto, è un povero ragazzo.
 
La madre di questo povero sventurato,
si tira i capelli, si graffia il viso,
tiene il cuore per sempre segnato,
d’ora in poi solo lacrime escono.
 
Vedo una vecchietta al lato della strada
con la mano si appoggia al bastone,
la stanchezza lungo il viso è sparsa,
si guarda attorno sperando in un aiuto.
 
Da un balcone si affaccia una ragazza,
e scuote la tovaglia dove hanno pranzato,
un uccellino, quelle briciole una a una
una beccata, e una guardata attorno.
 
Vedo a una porta una lampadina rossa,
coperta da un ramo di ulivo,
un pastore va alla porta e bussa,
mi guarda; “un quartino vado a bere”!
 
vedo accendere i lumi nelle case,
i comignoli iniziano a fumare,
hanno portato dentro i panni stesi,
una minestra stanno per preparare.
 
Nel frattempo si è nascosto il sole,
per far posto alle stelle con la luna,
prendo lo sgabello da sotto il sedere,
e rincasando, mi affido alla fortuna.
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!