fbpx

Nu fattarìallu … uschchenti

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Nu fattarìallu … uschchenti
 
Vi vùagliu cuntèari ssu graziusu fattarìallu,
ne ddu mònacu, ne ddu rre; e du piparìallu,
nu piparìallu virdu, bell’uschchenti,
frittu ccu cipulla e nna patèata,
e du sapuru, ti fa ttènari a mmenti
a bona resciuta e ssa bella sirèata.
 
Dìcini ca si t’u mangi, allùanghi lu campèari,
e intra d’ùartu mia, u nne dde manchèari;
nu surcu e dumingèana, e nn’èatru e piparìallu
n’èatru e piparìallu e unu e frijarìallu;
n’annu, cinn’avìa mmisu ppe ssantu nenti,
chi puru i pumadori, su benuti uschchenti!
 
U piparìallu uschchenti è ggudiusu,
tri boti d’uschcuru si fa ttènari a mmenti,
quanni ll’accatti, sta cchèaru u fetusu,
quanni tu mangi, jestimi li Santi
ma soprattutto uschca llu stessu,
si ti pia chilla cosa e de jiri allu cessu!
 
Un fatterello … piccante
 
Vi voglio raccontare questo grazioso fatterello
né del monaco, né del re; del peperoncino,
un peperoncino verde, bello piccante,
fritto con cipolla e una patata,
dal sapore, ti fa ricordare,
l’ottima riuscita di questa serata.
 
Dicono che se lo mangi, allunghi la vita,
e nel mio orto non deve mancare;
un solco di melanzana, uno di peperoncino
un altro di peperoncino e uno di friggitello;
un anno ne avevo messo tanti,
che anche i pomodori erano piccanti!
 
Il peperoncino piccante è sfizioso,
tre volte il piccante ti fa tribolare,
quando lo compri, perché costa caro,
quando lo mangi, bestemmi i Santi
ma soprattutto è piccante lo stesso
se ti prende lo stimolo di andare al cesso!
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!