fbpx

A fìmmina e llu sterzu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A fìmmina e llu sterzu
 
Na cosa iu vodissa propiu capiri,
Gesù Cristu cchi ci ha guadagnèatu
c’alli fìmmini u sterzu ll’ha ddunèatu
e ppe lli viji ccu nna màcana potiri jiri?
 
Gesù Cristu ll’ha ffatti puru i sbagli sua,
e sicuru era alla cantina e ss’è mbriachèatu
quanni u sterzu alla fìmmina ha ddunèatu,
e d’ha mmannèatu ssa cunnanna a nnua!
 
Illa camina lentamenti ppe lla via,
fa nna fida e du mèaru alla muntagna,
camina llenta mmìanz’a genti e nun si spagna
ppe ffèari milli metri ci vo dde l’una fin’i tria.
 
Quanni si ppe lla strèata e a nnu mumenti,
vidi na fida e macani arriadi nu postèadu,
c’è d’illa c’ allonga llu sorpassu, tantu mèadu!
pu sonèari quanti vu ma un ci fa nenti.
 
Quann’è dde parcheggèari! arrassusia!
trentasetti voti avanti e trentasetti voti arrìati,
tri llitri e benzina appena fatta, cunzumèati
doppi n’ura parcheggia storta e mmenz’a via!
 
Illa e du càmbiu canusci ssudu a prima,
e a cchilla povarella lli fa èsciar’i stentina
grida cchillu motori, ma a màcana u ccamina,
u contachilometri allu vinti ha ffattu a sima.
 
Ugnettanti minta lla marcia senza a freziona,
e ssìanti chillu pòvaru cambiu raschchèari,
chilla macanìcchia si vorra jettèari a mmèari
un si senta manc’u claccsi quanni sona!
 
Èati vistu quann’è dde fèari a marcia indietro?
i mèani allu sterzu strinti strinti i ttena,
guarda avanti alli voti ncunu spurtunèatu vena
e ssi raccummanna a cchill’anima e Sanpìatru.

 
Unn’è ppropiu fattu ppe lla fìmmina u tarallu,
ca è ttroppi chi si spagna e ffa ccasini,
ppe d’illa che dde èsciari tutti i matini,
cci vodissa na carrozza tirèata e nu cavallu.
 
Gesùcrì ll’ha fatta puru tu na cosa storta,
illa è garbusa tanti cosi alla chèasa sa ffèari,
ma u tarallu propiu un ci ll’avìa e dunèari,
lli basta na cecatella e c’è subitu chin’a porta!
La donna e il volante
 
Una cosa io vorrei proprio capire,
Gesu Cristo cosa vi ha guadagnato
perché alle donne il volante ha dato,
e per le vie con un’auto poter andare?
 
Gesù Cristo li ha fatti pure gli errori suoi,
sicuramente era alla taverna ed era ubriaco
quando il volante alla donna ha donato,
e ha mandato questa condanna a noi!
 
Lei cammina lentamente per la via,
forma una fila dal mare alla montagna,
cammina piano tra la gente e non ha paura
per fare mille metri ci vuole dall’una alle tre.
 
Quando sei per strada un certo punto,
vedi una fila d’auto dietro a un pullman,
c’è lei e non ti fa sorpassare, impressionante!
puoi suonare finché vuoi ma non risolvi nulla.
 
 Quando deve parcheggiare! Dio ce ne liberi!
trentasette volte avanti e trentasette dietro,
tre litri di benzina appena fatta, consumati
dopo un’ora parcheggia male e fuori le strisce
 
Lei del cambio conosce solo la prima marcia,
e a quella poveretta gli fa uscire le budella
grida quel motore, ma l’auto non cammina,
il contachilometri non oltrepassa il venti.
 
       A volte mette la marcia senza la frizione,
e senti quel povero cambio raschiare,
quell’auto si vorrebbe buttare in mare
non si sente neanche il clacson quando suona.
 
Avete visto quando deve fare marcia indietro?
le mani sul volante strette strette le tiene,
guarda vanti, a volte qualche sfortunato viene
e si raccomanda all’anima di San Pietro.
 
Non è proprio adatto alla donna il volante,
perché ha troppa paura e fa casini,
per lei che deve uscire tutte le mattine,
ci vorrebbe una carrozza tirata da un cavallo.
 
Gesu Cristo, l’hai fatta pure tu una cosa errata
lei è garbata, tante cose in casa sa fare,
ma il volante proprio non dovevi darglielo,
gli basta l’occhiolino e c’è pronto chi la porta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!