Ppe cchilli terri

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ppe cchilli terri
 
Mi ricùardu chill’anni trhisti e du quaranta,
a matina mi susìa sempri ccu lla notti
tanni puvertà e ppezzentìa cci nn’era tanta
si campèava dde pèanu tùastu e minesthi cotti.
 
Muglierma susuta, mi priparèava llu morsìallu
na ntoppa e dardu, pèanu tùastu e nna cipulla
quattrhu patèati fritti ccu nnu piparìallu
nu quartu e vinu e da cantina e “Taresulla”.
 
‘Ncugnèata a zappa, u mmastu supa a ciuccia,
a giacca e tutti i jùarni, festi e ffidannèari
d’urmella, chisà alli voti scinnìa ncuna gùccia
nu vèasu a mmuglierma e jjìa a ffatighèari.
 
Nu stantu jìarzu e ttùastu m’aspettèava,
all’antu all’antu na dinza e terra vodìa botèata
u suduru chi currìa ‘ncuna pànica rimollèava
a schchina ‘ncignèava a ssentari a fatighèata.
 
Cum’era bella chill’aria quanni a respirèava,
munnu mutu, sudu u cantu e d’acìalli si sentìa
e llu ‘ntinnu e du zappunu c’a terra votèava
ccu llu strhùsciu e na jumarella chi lla scurrìa.
 
Si sentìa n’orduru e chilli tanti jinostrhi juruti
chill’àrburi e cerèasi mianzi arrussichèati
vasèati e du sudu, u ttrhica e ssu ccunchjuti
i pichi aspèttani anziusi ppe lli ppizzudijèari.
 
E ppassàvani chill’uri, chjèanu e ppisanti,
si riducìa llu stantu e avanzèava llu majisu
i suduri chi jettèava dda frunta èrani tanti
mma mi votèava arrìadi e mm’escìa llu risu.
 
Mo u sudu u quadìa cchjù ch’è appassudèatu,
intrha d’antu chillu zappunu è ripunutu,
caccèatu i gammèadi, mi signu scotidijèatu
è sciùatu a ciùccia e mmi nni signu jutu.
 
Muglierma era allu scadunu c’aspettèava,
si nn’è ttrhasuta cumi ma bistu campijèari,
dappellà na càvuda minestrha minestrhèava
mi ll’è collèata e ssignu jutu a mmi curchèari.
 
Per quei terreni
 
Ricordo quegli anni tristi del quaranta,
al mattino mi alzavo sempre con il buio
allora di povertà e di stenti ce n’era tanta
si viveva di pane duro e di minestre cotte.
 
Mia moglie, alzata, mi preparava la colazione,
un pezzo di lardo, pane duro e una cipolla
quattro patate fritte con un peperoncino
un quarto di vino della cantina di “Taresulla”.
 
Rassodata la zappa, il basto sopra l’asino,
la giacca di tutti i giorni, festivi e feriali
l’ombrello, casomai scendeva qualche goccia
un bacio a mia moglie e andavo a lavorare.
 
Un terreno incoltivato e duro mi attendeva,
 una striscia di terra andava zappata
 il sudore scendeva, qualche grumo scioglieva
la schiena iniziava a sentire la fatica.
 
Com’era bella quell’aria quando la respiravo,
 mondo muto, solo il canto degli uccelli si ode
    e il tintinnio della zappa che la terra voltava
col rumore di una fiumara che li scorreva.
 
Si sentiva l’odore delle tante ginestre fiorite,
quegli alberi di ciliegio per metà arrossiti
baciati dal sole, tra un po’ saranno maturi
le gazze aspettano ansiose di beccarli.
 
E passavano quelle ore, lente e pesanti,
si riduceva il duro e avanzava il maggese
il sudore buttato dalla fronte era tanto
ma guardavo indietro e mi compiacevo.
 
Ora il sole non riscalda più, è appassito,
nel solco la zappa ho riposto,
tolto i “gambali” e la polvere di dosso
ho sciolto l’asino e me ne sono andato.
 
Mia moglie era sull’uscio di casa e aspettava,
se n’è entrata non appena mi ha visto apparire
in fretta una calda minestra ha riscaldato
l’ho ingoiata e sono andato a letto.
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!