Cori bastardu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Cori bastardu
 
Signu nèatu allu caduru e na dampadina,
allattèatu ccu llu dattu e di pucciudilli
èramu trhìdici frèati ranni cumi frincilli
tutti assìami tanti misi fina nna matina.
 
Su bènuti maritu e mmugliera a mmi pijèari,
persuni e bìallu aspìattu e chjini e ricchizzi
juti alla chèasa m’ho mmisu u numi “Frizzy”
e sùbbitu m’ho chjinu e jùachi ppe jjochèari.
 
Passèati su lli misi, è ppassèatu n’annu sèanu,
venutu u misu e agustu, pronti ppe lla vacanza
dappellà na matina ho ddivachèatu a stanza
e ssimu ppartuti ppe nna muntagna e chjèanu.
 
Cum’era bìallu jochèari ccu lli quatrhèari,
zumpanni a ddestrha e a mmancu tutt’i jùarni
mangiànni croccantini ccu ccuntùarni
u ffiniscìa mmèaiu e fùjari e dde scudazzèari.
 
Pu na matina mi risbìgliu e u bbìu a nullu,
agguaianni e cca e dde lla ‘ncignu a mmerèari
aggueaiu forti, senza mi stanchèari
pìanzu chisà su jjuti a ffiniri intrha nu vullu.
 
Era ffattu notti e ppersu tutti i speranzi,
mi signu misu a nna rasella ‘ncacanèatu
friddudusu, na trhemarella m’ha acchjappèatu
e ppenzèava allu caduru e chilli stanzi.
 
A nna vota, dua ùacchji viu abbicinèari,
cchjù s’abbicinàvani cchju rranna era ll’urma
e da pagura chilla fàccia ll’avìa ccurma
era nnu chèanu e mantrha e mi vodìa parrèari.
 
“Un ti spagnèari ca un ti vùagliu mangèari”,
m’ha ddittu ccu nna vuci abbrigaglièata,
“puru u patrhunu mia ha ffattu ssa penzèata
e nna notti è benutu a mm’abbannunèari”.
 
U cori e di cristijèani è chjinu e ‘ntacchi,
è cori bastardu; dùciu fina chi lli cummena
ma quanni na cechèata alla chèapa lli vena
ti dassa ccu lli dupi e d’èaza lli tacchi.
 
Mo intrha ssu vùaschcu facìmini cumpagnìa,
girèamu spenzierèati jùarnu e nnotti
scordàmini i croccantini e lli minestrhi cotti
e fina chi campèamu, caminèamu a stessa via.
Cuore bastardo
 
Sono nato al calore di una lampada,
allattato con il latte dei bimbi
eravamo tredici fratelli grandi come fringuelli
tutti insieme per tanti mesi, fino a un mattino.
 
Sono venuti marito e moglie a prendermi,
persone di bell’aspetto e benestanti
andati a casa, mi hanno messo il nome Frizzy
e subito mi hanno coperto di giochi.
 
Passati i mesi è passato un anno intero,
arrivato il mese d’agosto pronti per le vacanze
una mattina hanno svuotato la stanza
e siamo partiti verso la montagna.
 
Com’era bello giocare con i bimbi,
saltando di qua e di la tutti i giorni
mangiando croccantini con contorni
non mi stancavo di correre e di scodinzolare.
 
Poi un mattino mi sveglio e non vedo nessuno
abbaiando tutt’attorno inizio a cercare
abbaio forte, senza stancarmi
penso che siano potuti cadere in un burrone.
 
Era fatto buio e avevo perso tutte le speranze,
mi sono accucciato in un riparo
freddoloso, mi è presa una tremarella
e pensavo al calore di quelle stanze.
 
A un tratto, due occhi vedo avvicinarsi,
più si avvicinavano, più grande era l’ombra
di paura, avevo il muso colmo,
era un cane da pastore e voleva parlarmi.
 
“Non aver paura, non voglio mangiarti”,
mi disse con la voce rauca,
“anche il mio padrone ha fatto la stessa cosa
e una notte e venuto ad abbandonarmi”.
 
Il cuore degli umani è pieno di tacche,
è cuore bastardo; dolce finché gli conviene
ma quando gli si accieca la mente
ti lascia con i lupi e alza i tacchi.
 
Ora in questo bosco facciamoci compagnia,
andiamo in giro spensierati giorno e notte
dimentichiamo croccantini e minestre cotte
e finché viviamo, camminiamo la stessa via.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!