Signu nèatu …

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Signu nèatu …
 
Signu nèatu a nna rèasa e “Casadicchiu”*
u trìdici e ottobri e du sissanta,
crisciutu dìantu cumi nu suricìcchiu
a cchilli tìampi a puvertà era ttanta.
 
Chillu pocu e mangèari, u pidijèava,
ppe ddittu e mamma, era nu bellu dimmiccusu
briosci e ccioccudèata un ci nni stèava
sudu ‘ncunu formagginu e ppèanu ‘mpusu.
 
Escìa dda scoda è, alla putiga avìa dde jiri,
dduve Franchinu e Grupu, alla varberìa,
ugne settimèana mi dèava ciantucinquantadiri
iu era ccuntìantu, ca u cìnima cci venìa.
 
A sira mi ricoglìa a cchilla fridda chèasa,
‘mpochèata ccu digni e adivi sadichèari
iu mi mintìa arrunchièatu a nna rèasa,
mi facìa lli doveri e ppu mi jìa a ccurchèari.
 
Un c’era llu compiuter un c’era llu cellulèari,
n’accucchiàvamu na decina, a d’unu a d’unu
cumi avìamu tìampu, chilli viji viji a jjochèari
allu cirillu, ma suprattuttu allu pallunu.
 
Ccu lli scarpi e festa e ffidannèara,
ccu lli jinocchia sempri schcurcèati,
a vita e tanni, era ddaveri amèara
mèanu mèadu ca chilli tìampi su ppassèati.
 
Però, e na parti èrani mìagli e chissi e mò,
ca tanni c’era llu rispettu e ll’amicizia
mmèci mo c’è ttuttu chillu chi unu vò,
pittirillu pittirillu e già ccu ttutti i vizia.

Sono nato …
 
Sono nato a un angolo del Casalicchio
il tredici ottobre del sessanta.
cresciuto esile come un topolino
a quei tempi la povertà era tanta.
 
Quel poco cibo lo rifiutavo
a detta di mamma, ero un bel viziato,
brioche e cioccolato non c’è n’erano
solo qualche formaggino e pane bagnato.
 
Uscivo da scuola e alla bottega dovevo andare
Da Franchino di “Grupo” alla barberia,
ogni settimana mi dava centocinquanta lire
io ero felice, al cinema ci potevo andare.
 
La sera rincasavo in quella fredda casa,
riscaldata con legna di ulivo “sadicaro”
io mi mettevo accovacciato in un angolo
facevo i compiti e poi andavo a letto.
 
Non c’era il computer, non c’era il cellulare,
ci ritrovavamo una diecina, a uno a uno,
come avevamo tempo, per le vie a giocare,
alla trottola, ma soprattutto a pallone.
 
Con le scarpe festive e feriali,
con le ginocchia sempre sbucciate,
la vita di allora, era veramente amara
meno male che quei tempi sono passati.
 
Però da un lato erano migliori di adesso,
perché allora c’era il rispetto e l’amicizia,
invece adesso c’è tutto quello che si vuole,
fin da ragazzino è già con tutti i vizi.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!