A quatrharella arraggèata

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A quatrharella arraggèata
 
Bella cuntènta e mamma u ffèari e ràggia,
stàtti assettèata supa ssa bella sèggia,
si fa’ a brèava dumèanu chjèamu a pecurarella
e tti fazzu portèari na bella ricottella.
 
Aiuta a mmammarella a pudizzèari a chèasa,
u tintu vìantu ha bbudèatu pùrbara ugne rèasa
pìgliati chilla scupilla forti e bbadenta
e aiùtami nu pochinillu, fammi cuntenta.
 
Alla finita e ssa fàtiga ti dugnu cìantu diri,
e alla putighella cca ssutta ti fazzu jiri,
ti cci fazzu accattèari cioccudèati e ccaramelli
e nnu pupazzu chjìnu chjìnu e cioncianelli.
 
Bella cuntenta e mamma u ffèari a ràggia,
ca dumèanu matina t’accattu na càggia,
all’ìntrha cci mintimu na crozzanivurella,
e tti fazzu fischchèari na bella canzunella.
 
Aiuta a mmammarella a pudizzèari a chèasa,
c’è lla vuchèata davèata e mmo vo spèasa,
pudizza a d’ugne rrèasa ccu cchilla scupilla,
ca pu’ ammassèamu u pèanu ìntrha a majilla.
 
Alla finita e ssa fatiga ti dugnu cìantu diri,
e alla putighella cca ssutta ti fazzu jiri,
ti cci fazzu accattèari giùargiudi e barchetti,
nu muccaturu e sita e ddua belli reggipetti.
 
Mma ssa quatrharella nenti vo ssapiri,
u bbo nne lli caramelli, ne lli cìantu diri,
u bbo nne llu pupazzu e nnemmeni a càggia,
ca illa penza ssudamenti a ffèari a ràggia.
La bambina irrequieta
 
Bella della mamma non essere irrequieta,
stai seduta su questa bella sedia,
se fai la brava domani chiamo la pastorella
e ti faccio portare una bella ricottella.
 
Aiuta a mammina a pulire la casa,
l’odiato vento ha portato polvere dappertutto
piglia quella scopina forte e valente
e aiutami un pochino, fammi contenta.
 
Alla fine della pulizia ti do cento lire,
e al negozio qui sotto ti faccio andare,
ti faccio comprare cioccolate e caramelle
e un pupazzo pieno di sonagli.
 
Bella della mamma non essere irrequieta,
domani mattina ti compro una gabbia,
dentro ci mettiamo una capinera,
e ti faccio fischiare una bella canzoncina.
 
Aiuta a mammina a pulire la casa,
c’è il bucato lavato e dev’essere steso,
pulisci in ogni parte con quella scopina,
e poi impastiamo il pane nella madia.
 
Alla fine della pulizia ti do cento lire,
e al negozio qui sotto ti faccio andare,
ti faccio comprare mentine e barchette,
un fazzoletto di seta e due bei reggiseni.
 
Ma questa bambina, niente vuol sapere,
non vuole né le caramelle né le cento lire,
non vuole né il pupazzo e nemmeno la gabbia,
lei pensa soltanto ad essere irrequieta.
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!