Vìani Signuru

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Vìani Signuru
 
Quanni ti viju nchiovèatu a ssa cruci,
pìanzu a ttuttu chillu c’ha passèatu,
si nnèatu a nna grutta, senza na duci,
nu ciucciu e nnu voju, t’ho quadijèatu.
 
Si nnèatu pòvaru, pòvaru si mmùartu,
a sofferenza nostra ha dovutu e portèari,
ccu nnu tùaccu ha adderizzèatu u stùartu
d’acqua a binu lla fatta diventèari.
 
Ha vista ha dunèatu a nnu cechèatu nèatu,
ha risuscitèatu nu mùartu seppellitu,
ha fattu caminèari derittu nu scianchèatu,
ma tuttu chissu a nnenti è sservitu.
 
T’èani accusèatu e tt’èani calunnièatu,
t’èani frustèatu ppe cchill’irta via,
supra ssa cruci, t’èani nchjovèatu,
ccu ddua strazzuni, ppe ccumpagnìa.
 
Chilla Mammarella sempri t’ha preghèatu,
dàcrimi e sangu cadìani sup’i pìadi,
e ddoppi tri jjùarni si resuscitèatu,
jìanni duvi u Pèatru ppe cchilli cìadi.
 
Quanti cosi brutti ha dassèatu cca nterra,
a mmìdia, a violenza, l’odiu e ll’affanni,
a ttanti parti’e munnu c’è ssempri na guerra
ppe lli pecchèati chi stèamu paganni.
 
Vìani Signuru, n’èatra vota cca ssutta,
vìani cittu cittu, quanni u cìadu si fa scuru,
fanni abbrazzèari ccu lla genti, tutta,
fanni canùsciari a pèaci e ll’amuru.


 Vieni Signore
 
Quando ti vedo inchiodato a questa croce,
penso a tutto quello che hai passato,
sei nato in una grotta, senza la luce,
un asino e un bue ti hanno riscaldato.
 
Sei nato povero, povero sei morto,
la sofferenza nostra, hai dovuto portare,
con un tocco, hai raddrizzato lo storto,
l’acqua in vino l’hai fatta diventare.
 
La vista hai dato a un cieco nato,
hai resuscitato un morto seppellito,
hai fatto camminare dritto uno zoppo,
ma tutto questo a niente è servito.
 
Ti hanno accusato e ti hanno calunniato,
ti hanno frustato per quell’irta via,
su questa croce ti hanno inchiodato,
con due straccioni per compagnia.
 
Quella Mammina sempre ti ha pregato,
lacrime di sangue cadevano sui piedi,
e dopo tre giorni sei resuscitato,
andando dal Padre per quei cieli.
 
Quante cose brutte hai lasciato sulla terra,
l’invidia, la violenza, l’odio e gli affanni,
a tante parti del mondo, c’è una guerra,
per i peccati che stiamo pagando.
 
Vieni Signore, un’altra volta quaggiù,
vieni in silenzio quanto il cielo è buio,
facci abbracciare con la gente, tutta,
facci conoscere la pace e l’amore.

Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

2 Risposte

  1. Franca Azzarelli ha detto:

    Poesia decisamente pasquale, che scaturisce da un animo inquieto per un mondo lontano dalle proprie aspettative e dalle proprie aspirazioni. In questo mondo il nostro poeta affanna, tanto da sentire il bisogno di invocare un evento eccezionale. L’invocazione in dialetto diventa particolarmente accorata. Complimenti!

  2. Angelo Canino ha detto:

    Grazie Professoressa…questa poesia è proprio come dice lei…è un’invocazione di un qualcosa che non potrà succedere mai ma che la fede ci fa sperare…ancora grazie 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!