Vodissa rritornèari

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Vodissa rritornèari
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
senza nullu penzìari ppe lla menti
ammirèari e na finestra u mèaru,
e llu casinu e tutta chilla genti.
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
jochèari spenzierèatu ppe lla via
ccu nna palla e pezza a nnu mpèaru
ncudunudu e senza nulla madatìa.
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
jiri intra i terri, cerèasi a d’arrobbèari
e quanni e du patrunu sentìam’u spèaru
tutti intra nu fùassu ann’ammuccèari.
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
ppe jjiri a “Caccia” adirtu a nidi e acìalli
ccu lli gammi scighèati a nnu ruvettèaru
ma era ccuntìantu, èrani jùarni bìalli.
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
ppe jjiri ccu llu nonnu a cchillu “Manzi”
a ccògliari na troppa e adivu sadichèaru
e ppu vìdari annettèati chilli pranzi.
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
ppe ssèntari cuntèari fatti e guerra,
assettèatu a nna rèasa e focudèaru,
ccu lli scarpi e lla cammisa dùardi e terra.
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
e stèari assettèatu intra chilla cavarella,
a d’aspettèari chi passèava llu capillèaru,
m’a rigadèava ssempri ncuna cioncianella.
 
Vodissa rritornèari nu quatrèaru,
u vodissa ppe ddaveri ma un si po’,
u tiampu passèatu vodìa ttenutu chèaru,
e allura m’accuntìantu de ssu tìampu e mò.
 
 
*Caccia, Manzi = Località di Acri (CS)
Vorrei ritornare
 
Vorrei ritornare un bambino,
senza nessun pensiero per la mente
ammirare da una finestra il mare,
e il vocio di tutta quella gente.
 
Vorrei ritornare un bambino,
giocare spensierato per la via
con una palla di pezza a una piazzola
poco vestito e senza nessun malanno.
 
Vorrei ritornare un bambino,
andare nei terreni, a rubar ciliegie
e quando dal proprietario udivamo lo sparo
tutti a nasconderci in un fosso.
 
Vorrei ritornare un bambino,
 andar su per la “Caccia”* a nidi d’uccelli
con le gambe sbucciate a un roveto
ma ero contento, erano giorni belli.
 
Vorrei ritornare un bambino,
per andare col nonno in quel di “Manzi”*
a raccogliere una pianta d’ulivo “sadicaro”*
e poi vedere vuoti quei rami.
 
Vorrei ritornare un bambino,
per ascoltar racconti della guerra,
seduto in un angolo del camino,
con le scarpe e la camicia sporchi di terra.
 
Vorrei ritornare un bambino,
e star seduto in quel vicoletto
ad aspettare il compratore di capelli,
mi regalava sempre qualche ninnolo.
 
Vorrei ritornare un bambino,
lo vorrei veramente ma non si può,
il tempo passato andava tenuto caro,
e allora mi accontento di questo tempo.


Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!