Cardilluzzu coderusu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Cardilluzzu coderusu
 
Mi ricùardu quann’era pittirillu,
assettèatu a nnu scadunu avant’a porta,
mi dicrijèava a gguardèari nu cardillu,
intrha na càggia, a ssi chiàngiari a sciorta.
 
Ugne ttanti na fischchèata s’a facìa,
sbudazzanni all’intrha e chilla càggia,
e lla genti chi passèava e llu vidìa,
si ci fermava assettèata a nna sèggia.
 
Ohji cardilluzzu, cardilluzzu mia,
ssa genti chi si ferma a tti guardèari,
e d’ìnchia ugne mmumenti chissa via,
matina e ssira, ccu ttia vodissa stèari.
 
Ma na cosa povarìalli unn’ho ccapitu,
ca tu chi fischchi sempri intrha ssa càggia,
u llu fa ppe tti caccèari nu chijuritu,
ne ccanti ppe d’amuru, ma ppe rràggia.
Cardellino triste
 
Mi ricordo quand’ero ragazzo,
seduto su un gradino fuori l’uscio,
mi divertivo a guardare un cardellino,
in una gabbia, a passare le sue pene.
 
Ogni tanto una fischiata la faceva,
svolazzando all’interno della gabbia,
e la gente che passava e lo vedeva,
si fermava seduta su una sedia.
 
Oh cardellino, cardellino mio,
questa gente che si ferma ad ammirarti,
e riempie ogni momento questa via,
mattina e sera con te vorrebbe stare.
 
Ma una cosa poveretti non han capito,
che tu che fischi sempre in questa gabbia,
non lo fai per toglierti uno sfizio,
né canti per amore, ma per rabbia.
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!