fbpx

Staccàtimi ssa spina

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Staccàtimi ssa spina
 
Signu nèatu cum’e ttutti quanti,
bellu sanizzu e dde tutti anninnèatu,
ìntra na nèaca tanti risèati e cchianti,
e ttanti fasciatu piscèati e ccachèati.
 
A diciott’anni u munnu m’u màngiu,
signu sanizzu e fforti e saduta,
fazzu scippi ccu nna zappa e nnu ganciu,
u ccanùsciu abbìantu e nnulla caduta.
 
Nu jùarni a furtuna mi vota lli spalli,
u caminu mi ferma, mi curca allu dìattu,
e di mèani spariscini a fatiga e lli calli,
ppecchì propiu a mmia ssu tintu dispìattu?
 
Ne mmàngiu, ne pparru, ne mmi mùavu,
senza forzi e nnu grammu e speranza,
apru d’ùacchji, un c’è nnu jùarnu nùavu,
apru d’ùacchji ed è ssempri a stessa stanza.
 
Na vita cca dintra ‘ncumpagnìa e quattru muri
cumi chini, è ccunnannèatu alla furca,
ugne ttanti càngiani sudu i cuduri,
quanni u sudu esci, e quanni si va ccurca.
 
E’ bruttu vìdari i viji ccu lli strèati,
e nnun ti potiri azèari ppe lli ccaminèari,
è bruttu vìdari criscìari i figli e lli frèati,
e nun ci potiri assìami passijèari.
 
Staccatimilla ppe ppiaciri ssa spina,
dicu alli figli e a mmuglierma ccu lla menti,
u cori mia mo a fforza mi camina,
facìtimi fèari na morti decenti.
 
Morta è ssa vita mia, morta è lla speranza,
fujuta nu tristi jùarnu assìami allu vìantu,
facìtimi vìdari u scuru e ssa stanza,
vi dassu u respiru, e mmi faciti cuntìantu.
 
Staccatemi questa spina
 
Sono nato come tutti quanti,
bello in salute e da tutti ninnato,
in una culla tante risate e pianti,
e tante fasce urinate e sporcate.
 
A diciott’anni il mondo me lo mangio,
sono vigoroso e forte in salute,
faccio scassi con una zappa e un gancio,
non conosco riposo e nessuna caduta.
 
Un giorno la fortuna mi gira le spalle,
il cammino mi ferma, mi mette a letto,
dalle mani spariscono la fatica e i calli,
perché proprio a me questo brutto dispetto?
 
Ne mangio, ne parlo, ne mi muovo,
senza forze e un grammo di speranza,
apro gli occhi, non c’è un giorno diverso,
apro gli occhi, ed è sempre la stessa stanza.
 
Una vita qua dentro, in compagnia delle mura,
come chi, è condannato all’impiccagione,
ogni tanto cambiano solo i colori,
quando sorge il sole e quando tramonta.
 
E’ brutto guardare le vie con le strade,
e non poterti alzare per camminarle,
è brutto vedere crescere i figli e i fratelli,
e non poterci insieme passeggiare.
 
Staccatemi per favore questa spina,
dico ai figli e a mia moglie con la mente,
il mio cuore adesso a forza mi cammina,
fatemi fare una morte decente.
 
Morta è questa vita mia, morta è la speranza,
fuggita un triste giorno assieme al vento,
fatemi vedere il buio di questa stanza,
vi lascio il respiro, e mi fate contento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!