A mederba

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A mederba
 
Supa ssa terra simu nèati ppe nn’amèari,
ma c’è genti chi va ttrovanni sudu gueai,
è ccumi a gramigna un c’è nnenti e fèari,
s’arràdica alla terra e u mmori mmèai.
 
A mederba soffri a tti vìdari cuntìantu,
vodissa chi chjancissi tuttu u jùarnu,
chi t’accumpagnassa sempri u vìantu,
c’avissi meada sorti sempri attuarnu.
 
A mederba po èssari a vicina,
ch’è mmidiusa si tìani na bella famiglia,
e ttu dicu, unn’esista medicina,
fa ffigli a ttoccapedu cumi a cuniglia.
 
A mederba po èssari l’amicu,
chillu chi tu ha cridutu fussa ffidèatu,
ma quanni t’e dde aiutèari a mminèari u picu
t’accùargi ca e tia s’è alluntanèatu.
 
A mederba po èssari chi meni ti ll’aspìatti,
e ss’un ti nn’accùargi ppe ttia pu su gueai,
quanni a canusci è miagliu ca ll’annìatti,
ca è cumi a gramigna, u mmori mmèaiu.
La malerba
 
Su questa terra siamo nati per amarci,
ma c’è gente che va in cerca solo di guai,
è come la gramigna, non c’è niente da fare,
si spande nella terra e non muore mai.
 
La malerba soffre se ti vede contento,
vorrebbe che piangessi tutto il giorno,
che ti accompagnasse sempre il vento,
che avessi mala sorte sempre attorno.
 
La malerba potrebbe essere la vicina,
invidiosa se hai una bela famiglia,
e te lo dico, non esiste medicina,
fa figli di continuo, come la coniglia.
 
La malerba potrebbe essere l’amico,
quello che tu pensavi fosse fidato,
ma quando ti deve aiutare nel bisogno,
ti accorgi che da te si è allontanato.
 
La malerba può essere chi meno te l’aspetti,
e se non te ne accorgi per te poi sono guai,
quando la conosci è meglio che la debelli,
perché è come la gramigna, non muore mai.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!