fbpx

A chjina

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A chjina

A nna vota s’è annuvèatu
d’acqua scinna chèati chèati
u punenti mina
e ppe ll’anzièanu porta chjina
vìantu, dampi, trùani,
mancu i Santi cca ci pùani
quanni passa
nenti dassa
sbota tterri, sciolla cchèasi
e distruggia a ttutt’i rèasi

mma ppecchì succeda cchissu?
e ssempri cchiù a llu spissu?
a natura, dass’a stèari
a natura, u lla nquetèari

a curpa è ddu cimentu
a curpa è ddu fetentu
c’ù vùaschcu taglia,
u fùassu appèara
fa lla chèasa intr’a jumèara

ma a natura è madandrina
u ccumporta e mmanna cchjina.
La piena
Di colpo il cielo diventa nuvoloso
la pioggia scende a catenelle
il ponente spira
e per l’anziano porta piena
vento, lampi, tuoni
nemmeno i santi possono far qualcosa
quando passa
niente lascia
inonda terreni, fa crollare case
e distrugge in ogni angolo.
 
Ma perché succede questo?
e sempre più spesso?
la natura, lasciala stare
la natura, non molestarla
 
la colpa è del cemento
la colpa è del fetente
che il bosco taglia,
il fosso di scolo spiana
costruisce la casa nel fiume
 
ma la natura è malandrina
non sopporta e manda piena.
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!