fbpx

A seggia

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A seggia
 
Ormèai sta ssempri a cchilla rasella,
e ttena cumpagnìa a cchillu focudèaru
affumichèatu e stùartu pèaru pèaru,
è ssuda, mma lla cci pèara bella.
 
A ssa sèggia c’è scrittu nu ricùardu bìallu,
e chilli siri e tant’anni mo passèati,
e chilli tanti e ttanti cudi strichèati,
e du cchiù rrannu, e ddu quatrarìallu.
 
A sira si ci assettèava mammarella,
quanni m’anninnèava ppe mm’addormentèari,
e ssentìa chilli ninnananni cuntèari,
na rumanza e amuru o na canzunella.
 
Si ci assettava papà chjinu e stanchezza,
doppi aviri zappèatu na jurnèata,
a giacca alla spallera sempri appichèata,
si chjichèava e arrustìa na sazizza.
 
Si ci assettava lla nonna, povarella,
quanti doduri avìa a cchilli cùasti,
alli mèani tenìa ssempri i Patrinùasti,
nu Risariu dicìa a cchilla Madonnella.
 
Ugnettanti puru a gatta cci zumpèava,
ca ugne mumenti chilla chèasa chèasa,
c’èrani sùrici a dugne rrèasa,
e d’illa stèava quatta e d’aspettèava.
 
Quanni i digna schcattarijavani allu fùacu,
a vrusciavani i fajilli e stèava ccittu,
puru quanni ll’untèava ll’ùagliu frittu,
stèava ccittu, ppe d’illa era nnu jùacu.
 
Quann’era becchia, doduri nni tenìa,
era ttutta storta e schchetrichijèava,
s’un si stèava accorti chini si ci assettèava,
duangu duangu ‘nterra si nni jia.
 
Chèara vecchia sèggia, mo chi si spaglièata,
ti nni sta a ssa rasella suda e bacanta,
e d’aspìatti u vodiri e ‘ncuna Santa
ppe rritornèari cumi na vota ‘mpaglièata.
 
Ppe ritornèari a bìdari n’èatra vota u fùacu,
a ssu focudèaru vìacchiu e sciollèatu,
a ffèari riposèari chin’è stanchèatu,
a tt’anninnèari ppe llu sùannu e ppe llu jùacu.
La sedia
 
Oramai sta sempre in quell’angolo,
e tiene compagnia a quel caminetto,
affumicato e sbilenco dappertutto,
è sola, e in quell’angolo sembra bella.
 
A questa sedia c’è scritto un ricordo bello,
di quelle sere, da tanti anni ormai passate,
di quei tanti e tanti sederi strofinati,
dai più grandi e dai ragazzini.
 
La sera vi sedeva la mamma,
quando mi cullava per addormentarmi,
e sentiva quelle ninna nanne raccontare,
una romanza d’amore o una canzoncina.
 
Vi sedeva il papà pieno di stanchezza,
dopo aver zappato un’intera giornata,
la giacca alla spalliera sempre appesa,
si chinava e arrostiva una salsiccia.
 
Vi sedeva la nonna poverina,
quanti dolori teneva a quelle spalle,
nelle mani aveva sempre il Rosario,
e lo diceva a quella Madonnina.
 
Ogni tanto anche il gatto vi saltava,
perché ogni momento per quella casa,
c’erano topi dappertutto,
e lui stava quatto e aspettava.
 
Quando la legna scoppiettava nel caminetto,
la bruciavano le scintille e stava muta,
anche quando veniva unta dall’olio fritto,
stava muta, per lei era un gioco.
 
Quando era vecchia, dolori ne aveva,
era tutta sbilenca e scricchiolava,
se non stava attento chi vi sedeva,
lungo per terra andava a finire.
 
Cara vecchia sedia ora che sei consumata,
te ne stai in quest’angolo sola e vuota,
e aspetti il miracolo di qualche Santa
per ritornare come una volta impagliata.
 
Per ritornare a vedere nuovamente il fuoco,
in questo caminetto vecchio e malandato,
a far riposare chi è stanco,
a dondolarti per il sonno e per il gioco.
Bata - Via Roma - Acri
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading

Rispondi

error: Contenuto protetto!