fbpx

Alla chiazza

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Alla “Chiazza” (II)
 
Partutu e d’”Acquanova”,
oji u tìampu è a ccazzi, chiova,
oji u tìampu chiova, è a ccazzi,
ma èaiu e jiri fin’a “Chiazza”.
Passèatu e da “Petrèara”,
a genti facìa a gghèara,
facìa a gghèara a genti,
na putiga vinnìa ppe nnenti.
Arrivu allu “Pizzillu”,
sìantu chiamèari, è d’illu,
è ‘Ntòniu chi mi chièama,
ccu nna tijella e rèama.
Sta jìanni a lla stagnèari,
voderra rriposèari,
scisu e du “Castìallu”,
e llu stagninu è all’”Orticìallu”.
M’abbìu vers’a “Colla”,
a caminèata è mmolla,
è mmolla, a caminèata,
mi fazzu n’abbendèata.
C’è lla putiga e “Grupu”
sempri allegru, mèai cupu,
li capilli t’accurcèava,
li mustazzi ti spuntèava.
A fiancu a d’illu c’era,
la cantina de “Missera”,
sempri chjina e genti,
ca ssu vinu si tena a mmenti,
è llu cchiù bùanu chi ci sìa,
è dde gagliùappu e mmarbasìa.
Ss’amici lla i ddassu,
e abbìu e nùavu i passi,
arrivu a nna putiga,
trèasi vìacchiu e d’ìasci a rriga,
cammisi, àbiti e ccappotti,
quazuna, cravatti e mmaglietti,
tanti genti cca ci vèani,
dduv’e “Carminu e Cijèanu”.
Arrivèatu pu alla “Chiazza”,
i dattuchi mazzi mazzi,
vrùaccudi e rèapa, càvudi a ffiori,
petrusinu e ppumadori,
cucuzzi, patèati, spichi,
dumingèani, cappucci, jur’e fichi.
Fatt’a spisa, è scampèatu,
chieanu chieanu, mo c’u cchiova,
piju a via e d’”Acquanova”.
 
*Acquanova, Chiazza, Petrèara, pizzillu, Castìallu, Orticìallu, Colla
(sono rioni acresi)
Alla “Piazza”* (II)
 
Partito dall’ “Acquanova”*,
oggi il tempo è brutto, piove,
oggi il tempo piove, è brutto,
ma devo andare fino in “Piazza”*.
Passato per la “Petrara”*,
la gente faceva a gara,
faceva a gara la gente,
un negozio vendeva scontato.
Arrivo al “Pizzillo”*,
mi sento chiamare, è lui,
e Antonio che mi chiama,
con un tegame di rame.
Sta andando a stagnarla,
vorrebbe riposare,
sceso dal “Castello”*,
lo stagnino è all’”Orticello”*.
M’incammino verso la “Colla”*,
il passo è molle,
è molle il passo,
faccio una sosta.
C’è il negozio di “Grupo”*,
sempre allegro, mai cupo,
i capelli ti accorciava,
i baffi ti spuntava.
Di fianco a lui c’era,
la cantina di “Missera”*,
sempre piena di gente,
perché quel  vino era ottimo,
era il più buono che c’era,
fatto con gaglioppo e malvasia.
Questi amici la li lascio,
e di nuovo m’incammino,
arrivo a un negozio,
 entri vecchio ed esci nuovo,
camicie, abiti e cappotti,
pantaloni, cravatte e magliette,
tanta gente la ci va,
da “Carmine di Ciano”*.
Arrivato poi in “Piazza”*,
le lattughe a decine,
broccoli di rapa, cavolfiori,
prezzemolo e pomodori,
zucche, patate, pannocchie,
melanzane, verze, fioroni.
Fatto la spesa, ha smesso di piovere,
lentamente, adesso che non piove,m’incammino verso l’”Acquanova”*.
 
*Grupu, Missera, Carmin’e Cièanu
(Soprannomi di persone di Acri) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!