fbpx

A vrascera

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A vrascera  

Chèara vecchia vrascera bella,
e tia u mmi signu scordèata,
quann’era nna quatrarella
cumpagnìa e tutta a vernèata.
 
Eri lla, mmìanzu a chèasa,
nua tutti a ttia arrotèati,
quadijèavi ugne rrèasa,
ccu cchilli carbuni arrussèati.
 
‘ntregudèavi i fatti cuntèati,
e corna, divòrziji e ffujuti,
e preghìari a Ssanti e a Bijèati,
e ricchi e dde meadipatuti.
 
Ugnettanti ti ‘ncazzèavi e ffumèavi,
t’ammascèavi e cquèasi morìa,
a nnua tutti, d’uacchji ‘ncechèavi,
na tizzunijèata e tt’abbiviscìa.
 
Si nu stùazzu e sazizza ‘ncartèata,
alla rèasa e da vrèascia a mintìa,
chillu fumu a facìa profumèata,
chilla rrobba, ohji! Cumi sapìa!
 
Quanti ‘mmrogli asciuttèati!
Quazìatti ccu mmagli e cquazuni,
supa u “prìavitu” e mamma conzèati,
allu càvudu e chilli carbuni.
 
Chèara vecchia vrascera, bella,
ti tìagnu a nna rèasa e du cori mia,
si nnu ricùardu e quann’era cquatrarella,
e nnu mmi pùazzu scordèari de tia.
Il braciere
 
Caro vecchio braciere bello,
di te non mi sono dimenticata,
di quand’ero una ragazzina,
compagna di tutto l’inverno.
 
Eri li, in mezzo alla casa,
noi tutti, ti stavamo attorno,
riscaldavi ogni angolo,
con quei carboni accesi.
 
Ascoltavi i fatti raccontati,
di corna, divorzi e scappatelle,
di preghiere a Santi e a Beati,
di ricchi e di poveracci.
 
Ogni tanto ti incazzavi e fumavi,
ti spegnevi e quasi morivi,
a noi tutti, gli occhi accecavi,
una stuzzicata e ti riprendevi.
 
Se un pezzo di salsiccia incartata,
sulla brace coperta mettevi,
quel fumo la faceva profumata,
quel ben di Dio, oh! Com’era buono!
 
Quanti panni asciugati!
Calzini con maglie e pantaloni,
sul “prete” da mamma aggiustati,
al calore di quei carboni.
 
Caro vecchio braciere, bello,
ti tengo in un angolo del cuore mio,
sei un ricordo di quand’ero ragazzina,
e non posso scordarmi di te.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!