fbpx

Nu pòvaru vecchiarìallu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino


Nu pòvaru vecchiarìallu
 
Jochèava ccu nnu gattu,
assettèatu a cchilla chèava
na fella e midunu spattu,
senza dìanti, su surchjèava.
 
I cùasti i ttena tutti rutti,
e da tanta fatiga c’ha ffattu
a cchilli tìampi tinti e brutti,
u campèatu è stèatu spattu.

Puru d’ùacchji su pischèati,
u guardi e tti dispièaci,
nn’ha ffattu tanti guardèati,
e mmo vo ddassèatu m’pèaci.
 
Un tena gudìu e fèari nenti,
vo ssudu alliscèari ssu gattu,
chin’u sa si ccu ssa menti
penza a cchill’età e du dattu.
 
E quann’era nnu quatrèaru,
chi jochèava spenzierèatu
si sonnèava cùazzi e mmèaru,
ma era nnu pòvaru spurtunèatu.
 
E ll’allìscia e ttorn’e allìscia,
e llu gattu cci tena a piaciri,
u guarda e pur’illu capìscia
ca è prontu ppe ssi nni jiri.
 
Duvi d’Angiudi e lli Santi,
duvi ugnedunu pèara bìallu,
duvi pu riposa llu cori affrantu
de ssu pòvaru vecchiarìallu.
 
 
 
 
Un povero vecchietto

Giocava con un cane,
seduto in quella viuzza
una fetta di melone maturo,
senza denti, lo succhiava.
 
Il costato lo tiene rotto,
dalla tanta fatica che ha fatto
a quei tempi bui e brutti,
il vivere è stato difficile.
 
Anche gli occhi sono stanchi,
lo guardi e ti dispiaci,
ne ha fatte tante guardate
e ora vuole essere lasciato in pace.
 
Non ha voglia di far niente,
vuole solo accarezzare questo gatto,
chi lo sa se con questa mente
pensa a quell’età del latte.
 
Di quand’era un ragazzo,
che giocava spensierato
e sognava monti e mari,
ma era un povero sfortunato.
 
E l’accarezza, e poi ancora,
e il gatto ci prende gusto,
lo guarda e anche lui capisce
che è pronto per andare via.
 
Dagli Angeli e dai Santi,
dove ognuno sembra bello,
dove riposerà il cuore affranto
di questo povero vecchietto.
 
 
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!