fbpx

I cuduri e da Sida

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
I cuduri e da Sida
 
A nna rèasa e ssa Calabria nostra,
c’è nnu pìazzu e terra daveri affurtunèatu
ccu ttutti si minta a bella mostra,
ca e di cuduri cchiù bìalli è circondata.
 
C’è llu virdu e di pini secolèari,
e dde chilli incantèati prèati,
t’accùaglini allu friscu, ti fèani dicrijèari,
ti ricòrdani i dormuti e lli mangèati.
 
C’è llu giallu e di jinostri juruti,
chi ricàmani chilli chjeani e cchilli valli
intra i fattizzi e di davuri metuti,
pàscini dìbbari i vacchi e lli cavalli.
 
C’è ll’azzurru e chill’acqua cristallina,
e l’Arvu, e l’Ampollinu e ddu Cecita,
cum’è bìallu a ll’ammirèari si cci va camini,
è ssaduta certosina ppe lla vita.
 
C’è llu russu e da buttiglia a menzagustu,
ugne ppinu ha ccanusciutu ssu cuduru,
d’astèati quanni vèani ppe nn’arrustu,
u mpagliatìallu fa ccumpagnia allu sapuru.
 
C’è llu marròni e di pàmpini e di fèaghi,
e du vavusu, e du porcinu e dda monachella,
quann’è llu tìampu si cci va, ti nni ripèaghi,
ìnchji u panarìallu e ppuru a sporticella.
 
C’è llu grigiu e chilli jurnèati e vìarnu,
quanni ntùarnu chiova ccu llu cìadu cupu,
a nèglia ammùccia llu pinu e llu ditìarnu,
e dde da tèana fa ccampijèari u dupu.
 
C’è llu jancu e quanni u vìarnu fa lla niva,
e ffa ccuntìanti i ranni e lli quatrèari,
a Camigliatìallu nu fidarìallu sempri arriva,
tutti alla funivia a jjiri a scijèari.
 
Pu c’è llu nìvuru e du dùardu chi va sterra,
chi d’astèati ccu nnu fòsparu duna ffùacu,
e distruggi lli bellizzi e ssa chèara terra,
ppe lla chèapa madèata, ppe nnu sporcu jùacu
 
ma lla ssupra c’è lla mèana e du Signuri,
chi minta allu cuntu a giusta penitenza,
ca ssa Sida bella ha bisùagnu e ssi cuduri,
e cchini cci va, nu ppo stèari senza.
I colori della Sila
 
In un angolo di questa Calabria nostra,
c’è un pezzo di terra veramente fortunata
con tutti si mette in bella mostra,
perché dei colori più belli è circondata.
 
C’è il verde dei pini secolari,
e di quei incantati prati,
ti accolgono al fresco, ti fanno gioire,
ti ricordano le dormite e le mangiate.
 
C’è il giallo delle ginestre fiorite,
che ricamano quelle pianure e quelle valli
nella stoppia delle messi mietute,
pascolano liberi mucche e cavalli.
 
C’è l’azzurro di quell’acqua cristallina,
dell’Arvo, dell’Ampollino e del Cecita,
com’è bello ammirarli se vai li a passeggiare,
è salute certosina per la vita.
 
C’è il rosso della bottiglia a ferragosto,
ogni pino ha conosciuto questo colore,
in estate quando vanno per un arrosto,
la fiaschetta tiene compagnia ai sapori.
 
C’è il marrone delle foglie dei faggi,
del pinaiolo, del porcino e della monachella,
quando è tempo, se ci vai te ne ripaghi,
riempi il paniere e anche la cesta.
 
C’è il grigio di quelle giornate d’inverno,
quando attorno piove con il cielo cupo,
la nebbia nasconde il pino e l’alaterno,
e dalla tana fa fuoriuscire il lupo.
 
C’è il bianco di quando in inverno fa la neve,
e fa contenti i grandi e i bambini,
a Camigliatello è un viavai in continuazione,
vanno tutti alla funivia per poter sciare.
 
Poi c’è il nero dello sporco che distrugge,
che in estate con un fiammifero appicca fuoco
e distrugge le bellezze di questa cara terra,
per la mente malata, per uno sporco gioco.
 
Ma li sopra c’è la mano del Signore,
che mette in conto la giusta penitenza,
perché la Sila bella ha bisogno di questi colori
e chi ci va non può restare senza.




Bata - Via Roma - Acri
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading

Rispondi

error: Contenuto protetto!