fbpx

U bastunu e da vecchièaia

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U bastunu e da vecchièaia
 
Na vota, quèasi tutti li famigli,
ppe bisùagnu, ch’i tìampi èrani tristi
avìani sia e ssetti figli,
e dde tutti èrani buanivisti.
 
Tanni, avìani i terri de zappèari,
e fatiga, nn’era cchjina nugne rrèasa,
ugne ffigliu era pprontu a d’aiutèari,
ppe mmannèari avanti a chèasa.
 
C’era puru chin’era “cùacciu de gadera”
c’a lla vecchièaia vodìa nn’aiutu,
gràvida facìa èsciari a mugliera,
eccussì si caccèava llu chiuritu.
 
Zu Jennèaru, c’ha ttrovèari signu jutu,
pur’illu ha ffattu ssa penzèata,
“Ca vìacchiu signu e bùagliu aiutu!”
E da za Santa na sira lla ‘ngravidèata.
 
“nipù! è pijèatu na fricatura numar’unu!
Ca Santa è gràvida e dua gemelli,
e mmeci e du bastunu,
m’è fattu li stampelli!”
Il bastone della vecchiaia
 
Una volta quasi tutte le famiglie,
per bisogno, perché i tempi erano tristi
avevano sei e sette figli,
e da tutti erano ben visti.
 
Allora, dovevano zappare i terreni,
di lavoro, c’è n’era dappertutto,
ogni figlio era pronto ad aiutare,
per mandare avanti la casa.
 
C’era anche chi era furbo,
che alla vecchiaia voleva un aiuto,
incinta metteva la moglie,
così si toglieva lo sfizio.
 
Zio Gennaro, che a trovare sono andato,
anche lui ha fatto questa pensata,
“ Vecchio sono, e voglio aiutato!”
E a zia Santa una sera l’ha messa incinta.
 
“Nipote! Ho preso una fregatura numero uno!
Perché Santa è incinta di due gemelli,
e invece del bastone,
mi son fatto le stampelle!”.


Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!