fbpx

Ssi mèani

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ssi mèani
 
E ssi mèani tant’anni ci su ppassèati,
e mmo su ttutti surchijèati
arrappèati, musci e spatti,
e tti cùntani cc’ho ffattu:
 
ho accarizzèatu pucciudilli,
ho ffattu u tuppu alli capilli,
ho ttenutu cisti supa a cheapa,
chjini e cucuzzi e brùaccudi e rèapa.
 
Ho ssecutèatu u dèatru,
ho ‘mpastèatu supa u quèatru,
ho ffattu mangèari e cìantu sapuri,
ho asciuttèatu alla frunta u suduru.
 
Ho ‘ntrizzèatu gliòmmari e dèana,
ho ccusutu u denzudu e lla vutèana,
ho ffattu a vuchèata alla jumèara,
ho rriminijèatu alla quadèara.
 
Ho schcoccèatu patrinùasti,
ho accarizzèatu gatti furìasti,
ho allumèatu chilli vernèati,
ho cchjinu sazizzi e ssuppressèati.
 
Ho allaschèatu u vurbinu ‘ncuttu,
ho attacchèatu u muccaturu e duttu,
ho adacquèatu i surchi e d’ùartu,
ho mminèatu u “dignu stùartu”.
 
Ho allittu simenti ppe cchiantèari,
e mmisi allu sudu a ss’asciuttèari,
ho spèasu panni avanti a porta
ho bruscèatu a frasca storta.
 
Ho mmetutu e ammattudèatu,
d’ùartu all’aria ho spoderèatu,
ho ‘mpidèatu u fidu all’èacu,
ho ddighèatu ccu llu spèacu.
 
… I surchi mo su propiu tanti,
s’abbèntani ssi mèani santi,
a d’ugne ssurcu c’è ttantu suduru,
jettèatu ccu fforza e ccu d’amuru.
 
Mo s’accarìzzani una ccu ll’èatra,
guardèati e ssa pòvara mèatra,
chièanu, ‘ncuna cosa ancora fèani,
chièanu chièanu, chièanu ssi mèani.
Queste mani
 
Da queste mani tanti anni ci sono passati,
e adesso sono tutte piene di rughe
appassite, molli e sciupate,
e ti raccontano cosa hanno fatto:
 
hanno accarezzato bambini,
hanno fatto il tuppo ai capelli
hanno retto ceste sul capo
piene di zucche e cime di rapa.
 
Hanno allontanato il ladro,
hanno impastato sullo spianatoio,
hanno fatto ricette di cento sapori,
hanno asciugato dalla fronte il sudore.
 
Hanno intrecciato gomitoli di lana,
hanno cucito le lenzuola e la coperta,
hanno fatto il bucato alla fiumara,
hanno mescolato nel pentolone.
 
Hanno sgranato rosari,
hanno accarezzato gatti aggressivi,
hanno acceso il camino quegli inverni,
hanno insaccato salsicce e soppressate.
 
Hanno sfoltito il semenzaio,
hanno messo il fazzoletto a lutto
hanno innaffiato i solchi dell’orto,
hanno picchiato il ribelle.
 
Hanno selezionato semi per seminare,
e messi al sole ad asciugarsi,
hanno steso panni davanti l’uscio,
hanno bruciato le frasche di scarto.
 
Hanno mietuto e fatto covoni,
le spighe sull’aia hanno sfogliato,
hanno infilato il filo all’ago,
hanno legato con lo spago.
 
… le rughe ora sono proprio tante,
si riposano queste mani sante,
su ogni ruga c’è tanto sudore,
versato con forza e con amore.
 
Adesso si accarezzano l’una con l’altra,
guardate da questa povera madre,
piano, qualcosa ancora fanno,
lentamente, piano queste mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!