fbpx

…e mm’ha ssarbèatu u cràpiu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
…e mm’ha ssarbèatu u cràpiu
 
Nu jùarnu e ottobri, na matina mi ncaminu,
e allu vùaschcu e gallupèanu signu jutu
avìa chiovutu ed era jjutu a ccozzi e pinu,
intra chillu postu ncuttu, scuru e sperdutu.
 
A jurnèata era bella e llu sudu quadijèava,
era nu piaciri a mmerèari ppe cchill’oru
a cuntentizza c’era ca u fùngiu coccijèava,
u panèaru chjinu vadìa cchiù dde nu trisoru.
 
Ma è risaputu ca d’ottobri, na bella jurnèata
e nu mumentu all’èatru po ssùbitu cangèari
a nna vota na cupa nèglia s’è pprisentèata,
e lla via e da ricota m’ha ffattu scordèari.
 
Caminèava sperdutu senza sapiri duvi jìa,
u mìnimu rumuru mi facìa spantichèari
na forti pagura s’era mpussessèata e mia,
m’era rimastu sudu Sant’Angiudu preghèari.
 
Tuttu a nna vota sìantu n’agguaièari cupu,
mignu u passu, ma s’agguaièari s’abbicina
chilla nèglia fitta, avìa risbiglièatu u dupu,
e d’era mpacciu e mia, ncerca e serbaggina.
 
Mi signu fermèatu tremudanti e da pagura,
mi mustrèava chilli dìanti janchi e llucenti
“Cumi fazzu a d’èsciari e intra ssa sbentura”
a mmugliera e ffigli, penzèava ccu lla menti.
 
A nna vota sìantu nu strùsciu a fiancu e mia,
chi càngia lla guardèata e chill’ùacchji rapini
era nnu crapiu,e  ppur’illu jìa ppe cchilla via,
lli fuga arraggiatizzu, ppe cchilli pini pini.
 
Ricùatu alla chèasa, mpaguritu e tremudanti,
vèasu mugliera e ffigli e llu fattu ll’è cuntèatu
“U vùaschcu alli dupi, e lli ghjìasiji alli Santi,
ch’èani mannèatu nu cràpiu e m’ha ssarbèatu.
 
… E mi ha salvato il capriolo
 
Un giorno d’ottobre all’alba mi incammino,
e al bosco di Gallopane sono andato
aveva piovuto ed ero andato a porcini,
in quel posto folto, brutto e sperduto.
 
La giornata era bella e il sole riscaldava,
era piacevole cercare quell’”oro”
la gioia c’era perché il porcino si trovava,
il paniere pieno valeva più di un tesoro.
 
Ma si sa che in ottobre una bella giornata,
da un momento all’altro può subito variare
in un attimo una folta nebbia è scesa,
e la via del ritorno mi fa dimenticare.
 
Camminavo sperso senza sapere dove andavo,
il minimo rumore mi incuteva timore
una forte paura si era impossessata di me,
mi era rimasto solo Sant’Angelo pregare.
 
Tutto a un tratto sento un ululato cupo,
affretto il passo ma l’ululato si avvicina
quella nebbia fitta aveva svegliato il lupo,
ed era di fronte a me, in cerca di selvaggina.
 
Mi sono fermato tremolante per la paura,
mi mostrava quei denti bianchi e lucenti
“Come farò a uscire da questa sventura”
a moglie e figli pensavo con la mente.
 
Tutto a un tratto odo un rumore di fianco a me
che cambia la vista di quegli occhi aggressivi
era un capriolo, anche lui per quella via,
gli si lancia contro rincorrendolo in quei pini.
 
Ritornato a casa, impaurito e tremolante,
bacio moglie e figli e il fatto gli ho raccontato
“Il bosco ai lupi, le chiese ai Santi”,
c’ hanno mandato un capriolo e mi ha salvato.











Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!