Munnu quèatrhu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Munnu quèatrhu
 
U munnu è ccangèatu na matina,
e mmo unn’è cchiù perfettu
a tuvaglia è ddiventèata mappina,
e lla mappina è ddiventèata serbijettu.
 
I giùvani ho ppersu a docaziona,
meaditrattèati a mamma e llu pèatru,
u finu sua è ddiventèatu a meadaziona
chini vinna erba, chini fa llu dèatru.
 
Màscudu ccu mmascudu accucchjèati,
pòvaru quatrèaru chi cci ncappa,
fìmmini ccu ffìmmini mischchèati,
t’ho ccancèatu munnu … scappa !!
 
a vvidari ssu munnu mo cancèatu,
a Madonna si scippa lli capilli,
duv’è jjutu tuttu u chiantu jettèatu
ppe nni vìdari ducenti cumi i stilli?
 
Munnu, chèaru munnu,
prega ssu Santu pèatru,
ca sinò dèatu ca tu si ttunnu,
u ttrica e tti fèani quèatru.
Mondo quadro
 
Il mondo è cambiato una mattina,
e ora non è più perfetto
la tovaglia è diventata mappina,
e la mappina è diventata tovagliolo.
 
I giovani hanno perso l’educazione,
maltrattati la madre e il padre,
il loro scopo è diventato la male azione
chi spaccia erba, chi fa il ladro.
 
Maschio con maschio uniti,
povero quel bimbo che vive con loro,
donne con donne unite,
ti hanno cambiato mondo … scappa !!
 
nel vedere questo mondo ora cambiato,
la Madonna si strappa i capelli,
dov’è finito tutto il pianto speso
per vederci lucenti come le stelle?
 
Mondo, caro mondo,
prega questo Santo Padre,
altrimenti, dato che tu sei tondo,
non passa tempo e ti fanno quadro.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!