fbpx

Allu mèaru…de Muccunu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Allu mèaru…de Muccunu
 
Ppe cchilla via e Santudinardu,
ninn’i scinnìamu ìntra Muccunu,
cum’è bìallu ssu ricùardu,
chi vi cuntu a d’ugnedunu.
 
Era spèara chilla via,
e a nnu rùanzu ni portèava,
e quanni càvudu facìa,
tantu tìampu ci passèava.
 
Ccu ll’amici tuttu u jùarnu,
intra d’acqua e da matina,
chilla pèaci tuttu ntuarnu,
ci assimijèava lla marina.
 
E ppassàvani chill’uri,
spenzierèati e nn’allegria,
ca i tìampi èrani scuri
intra i chèasi e ppe lla via.
 
Vers’a sira a llu cchiù bìallu,
sia rintùacchi si sentìani,
d’u riroggiu e du Castìallu
e mmusci musci ni nni jìamu.
 
Torna jùarnu pu facìa,
accucchjeati a d’unu a d’unu
n’èatra vota mi nni jia
allu mèaru…de Muccunu.
Al mare … del Mucone
 
Per quella via di San Leonardo,
scendevamo lungo il Mucone,
che bello questo ricordo,
che vi racconto a tutti voi.
 
Era impervia quella via,
 a una pozza d’acqua ci portava,
e quando faceva caldo,
tanto tempo ci passavo.
 
Con gli amici tutto il giorno,
nell’acqua dalla mattina,
quella pace tutto intorno,
sembrava essere al mare.
 
E passavano le ore,
spensierati e in allegria,
perché i tempi erano bui,
nelle case e per la via.
 
Verso sera sul più bello,
sei rintocchi si udivano,
dell’orologio della Torre
e malinconici andavamo via.
 
Di nuovo il giorno arrivava,
riuniti a uno a uno
nuovamente me ne andavo
al mare … del Mucone.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!