I jùachi e na vota

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
I jùachi e na vota
 
Cum’èrani bìalli chilli jùachi e na vota,
quann’èramu guagliùni e quinnìci anni,
alla chèasa sempri tardi era lla ricota,
cchi vvita bella, chilla vita e tanni.
 
U passatìampu nùastru era llu jùacu,
all’esciuta e da scoda doppi mangèatu,
chilli viji viji, èramu nu fùacu,
u ccanuscìamu a paroda “stanchèatu”.
 
Mi ricùardu u jùacu e du cirillu,
doppi c’u facìamu rollèari,
sentìamu nu zichillicarìallu,
ca mmèani ll’avìamu e pijèari.
 
Jocàvamu ccu lli jocaturi,
allu sbattu o ccu lli strhasci,
accucchjèati e tutti d’uri,
avanti a porta e du mastrhudasci.
 
Rollàvamu nu cìrchjiu ccu nna frusta,
ppe cchilli viji e màcani mancu d’urma,
si chiovìa, alla cheapa na busta;
e ciucci e dde genti chilla via era ccurma.
 
Jocàvamu allu parmu, ccu lli cìantu diri,
i ttìravamu forti ‘mpacciu nu muru,
si alli pìadi tua accucchjèati i ffacia jiri,
ti ppijèavi e, llu perdenti diventèava scuru.
 
Jocàvamu all’ammùccia ammùccia,
unu cuntèava e ll’èatri a ss’ammuccèari,
si campijèavi u primu ccu lla fàccia,
a ttia tocchèava dde cuntèari.
 
I cchiù fforti jocàvani alla corda,
dua squèatri e quattru o cincu guagliuni,
chilli perrupèati, chini si scorda!?
Avìamu i carni tosti cumi mattuni.
 
E cchi si scorda tutti chilli pallunèati?
A nna palla e gumma, a boti puru e pezza,
bastàvani dua metri quatrèati,
e ssùbitu n’inchjìamu e cuntentizza.
 
Chilli jùachi e na vota su ppassèati,
mo si joca ssudu ccu lli jìditi,
tutt’u jùarnu ccu llu cudu assettèati,
pòvari! Ìascini schcamaccèati pur’i pìditi!
I giochi di allora
 
Com’erano belli quei giochi di allora,
quando eravamo ragazzi di quindici anni,
a casa sempre tardi era il rientro,
che vita bella, quella vita di allora.
 
Il passatempo nostro era il gioco,
all’uscita dalla scuola dopo pranzo,
per quelle vie eravamo scatenati,
non conoscevamo la parola “stanco”.
 
Ricordo il gioco della trottola,
dopo che lo facevamo roteare,
sentivamo un solleticare,
perché sulle mani dovevamo prenderlo.
 
Giocavamo con le figurine,
allo “sbatto” o con gli “strasci”,
riuniti a tutte le ore,
davanti l’uscio del falegname.
 
Roteavamo un cerchio con un vetusto,
per quelle vie, di auto nemmeno l’ombra,
se pioveva, in testa una busta;
di asini e di gente quella via era colma.
 
Giocavamo al “palmo” con le cento lire,
li tiravamo con forza verso un muro,
se ai tuoi piedi uniti li facevi andare,
te li prendevi e il perdente diventava scuro.
 
Giocavamo a nascondino,
uno alla conta e gli altri a nascondersi,
se spiavi il primo con la faccia,
a te toccava di fare la conta.
 
I più robusti giocavano al tiro alla fune,
due squadre di quattro o cinque ragazzi,
quelle cadute, chi le dimentica!?
Avevamo le carni dure come un mattone.
 
E chi si dimentica tutte quelle pallonate?
A una palla di gomma, a volte anche di stoffa,
bastavano due metri quadri,
e subito ci riempivamo di allegria.
 
Quei giochi di allora sono tramontati,
adesso si gioca solo con le dita,
tutto il giorno col sedere seduti,
poveri! Escono schiacciati anche i peti!
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!