fbpx

A scrìvari na poesia…

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A scrìvari na poesia…
 
A scrìvari na poesia un ci vo nnenti,
bàstani na pinna e nnu pìazzu e carta,
basta vìdari passijèari a genti,
o na stazioni ccu chin’arriva e chi parta.
 
U vudu e n’acìallu ti fa ricordèari nu versu
o na nuva chjina e acqua mmìanz’u cìadu,
u chjantu e nu quatrèaru chi s’è ppersu,
u dispiaciri e na persuna senza nu piadu.
 
A paparina bella russa intr’u majisu,
o chilli tanti juri cudurèati intra nu prèatu,
a menti penza e llu versu è prontu e stisu,
e llu scrittu e ssa poesia è bell’abbijèatu.
 
Puru si vidi n’arburu jurutu a primavera,
o na rìnnina chi sta cconzanni u nidu,
oppuru guagliuni ppe lla via chi fèani a fera,
nu cacciaturu ccu llu chèanu e llu fucidu.
 
Pìanzi a paroda chi fa rima ccu cchill’èatra,
cìantu voti a dìaji, a cangi e lla ricangi,
ma pu quann’ha trovèatu chilla chi ci quèatra
e da tanta cuntentizza quèasi chjangi.
 
A poesia eccussì nasci, mèanu mèanu,
u rigu chjèanu s’ìnchji e lla pinna ammanca,
ppe cchini a scriva è ccumi u pèanu,
che du muzzichèari, mèai si stanca.
 
A scrìvari na poesia un ci vo nnenti,
ppecchì i parodi e da menti su ddettèati,
cci vùani pinna e ccarta sudamenti,
pu va dìajiu, e ssi vi pièaci, vi meraviglièati.





 
 
 
 
 
 
A scrivere una poesia…
 
A scrivere una poesia non ci vuole molto,
bastano una penna e un pezzo di carta,
basta vedere passeggiare la gente,
o una stazione con chi arriva e chi parte.
 
Il volo di un uccello ti ispira un verso,
o una nuvola carica d’acqua in mezzo al cielo,
il pianto di un bambino che si è smarrito,
il dolore di una persona senza un piede.
 
Il papavero bello rosso nel maggese,
o quei tanti fiori colorati in un prato,
la mente pensa e il verso è bello e fatto,
e la stesura di questa poesia è ben avviata.
 
Pure se vedi un albero fiorito a primavera,
o una rondine che sta aggiustando il nido,
oppure ragazzi che per la via fanno baldoria,
un cacciatore con il cane e il fucile.
 
Pensi la parola che fa rima con l’altra,
cento volte la leggi, la cambi e la ricambi,
ma poi quando hai trovato quella che fa rima,
dalla tanta gioia, quasi piangi.
 
La poesia così nasce, a mano a mano,
il rigo piano si riempie e la penna si consuma,
per chi la scrive è come il pane,
che di morderlo non si stanca mai.
 
A scrivere una poesia non ci vuole molto,
perché le parole dalla mente sono dettate,
ci vogliono penna e carta soltanto,
poi ve la leggo e se vi piace, vi meravigliate.











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!