fbpx

Chissu è llu vìarnu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Chissu è llu vìarnu
 
Vìarnu, a stagioni cchiù tristi e d’annu,
d’àrburi e da campagna su tutti spoglièati
i terri e da tant’acqua, tutti abbunèati
u jùarnu è curtu curtu e nno cchiù rrannu.
 
D’aria fori pungi dde da tramuntèana,
n’abbisa lla venuta e da niva e ppurbarinu
n’abbisa ch’è ttìampu chi nasci llu bomminu
e da cuverta pisanta e dda màglia e dèana.
 
Intra chilli chèasi friddi àrdini i focudèari,
ccu tròccani e cerza e digna e schcantramèani,
conzèati intra na majilla crìscini chilli pèani
aspèttani càvudi mèani ppe lli mpurnèari.
 
Ccu lli carbuni ardenti ìnchjini i vrasceri,
e lli rrìpunini intra chilli friddi càmmari,
arrotèati i fìmmini, ntrìzzani gliòmmari,
fèani magli e dèana ppe lli bìnnari alli turreri.
 
Ammàssani crùstudi, turdilli e ccullurìalli,
ccu ll’ùagliu e stanni, frìjini chilli fressuri
si mprègnani tutti i muri e chilli orduri
s’ìnchjini e cuntentizza chilli quatrarìalli.
 
A vìriga chjìna alli trèavi stèata appichèata,
ccu llu pùarcu jutu puru stanni”mparavisu”
duna cuntentizza e spèama ugne mmisu,
a sàzizza, u prisuttu e cchilla suppressèata.
 
Ppe cchilli viji sònani tutti ammantèati,
in onuru e du Bomminu, i ciaramellèari
e da menzaporta campìjani chilli quatrèari
ccu lli facciuzzi russi e schcocchijèati.
 
Intra i cavarelli, a sira c’è chjinu e allegria,
ca mo i cantinìari ho strivillèatu i vutti,
d’ùamini intra chilli catapecchji ncutti ncutti
all’esciuta e sponzèati, cursunìani ppe lla via.
 
U vìarnu è cchissu, propiu chissu è llu vìarnu,
ppe ncunu è bìallu, ppe ncun’èatru è bruttu,
mma jìanni jìanni arriva puru u custruttu
e allu focudèaru è ffatt’a ccìnnara u ditìarnu.
 
 
 
 

 
Questo è l’inverno
 
Inverno, la stagione più triste dell’anno,
gli alberi della campagna sono tutti spogli,
i terreni dalla tanta pioggia, tutti inzuppati
il giorno è corto e non più lungo.
 
L’aria fuori punge dalla tramontana,
ci avvisa l’arrivo della neve e del nevischio
ci avvisa il tempo in cui nasce il Bambinello
della coperta pesante e della maglia di lana.
 
In quelle case fredde, ardono i camini,
con ceppi di quercia e legna di erica,
aggiustati nella madia, crescono quei pani,
aspettano calde mani per infornarli.
 
Con i carboni ardenti riempiono i bracieri,
e li posano in quelle fredde camere,
attorno le donne intrecciano gomitoli,
fanno maglie di lana per le contadine.
 
Ammassano “crustole” turdilli” e “cullurialli”
con l’olio novello friggono nelle pentole,
s’impregnano tutti i muri di quegli odori,
si riempiono di allegria quei bambini.
 
La verga piena alle travi è stata appesa,
col porco andato pure quest’anno in paradiso
dà felicità e sfama tutti i mesi,
la salsiccia, il prosciutto e quella soppressata.
 
Per quelle vie, suonano tutti ammantati,
in onore del Bambinello le ciaramelle
e dalla “mezza porta” spiano i bambini,
con le faccine rosse e con le gote.
 
Nei vicoli, la sera c’è pieno di allegria,
perché gli osti hanno iniziato le botti,
gli uomini in quelle catapecchie, ammassati,
all’uscita e ubriachi, zigzagano per la via.
 
L’inverno è questo, proprio questo è l’inverno
per qualcuno è bello per qualcun altro è brutto
ma a poco a poco arriva anche la fine,
e al caminetto è diventato cenere l’alaterno.
 















Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!