fbpx

Na fridda sira

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Na fridda sira
 
Na fridda sira e vìarnu, cumi tanti,
simu tutti allu focudèari rijunti,
u vìantu fori è dde tramuntèana,
tràpana cammisa e mmaglia e dèana.
 
Su ttanti i gagli a cchilla vecchia porta,
‘ntippèati alla bona ccu ppezzarìalli e carta;
mamma sta ‘ntrizzanni nu quazìattu,
e ugne ttanti s’abbenta e ssi vatta llu pìattu;
 
Ca fatiganni, dici llu Risàriu a Gesu Cristu,
chisà càngia ssu tìampu tantu tristu,
ssu tìampu e puvertà e dde pezzentìa,
c’a ttantu regna a ssa cheasicella mia.
 
Papà ha pportèatu na junta e castagni,
e, mmisu a pastellera supa i digni
i rriminìa fin’a cquanni un su arrussichèati,
na cùcchia appedunu, scozzèati e mmangèati.
 
A ppoc’a pocu u fùacu pia ppe ss’ammascèarì
mamma ccu lla molla, ncigna a llu tizzunièari
ci minta n’èatru stùazzu e dignu e cerza,
taglièata a cchillu pezzarìallu e terra jerza.
 
Papà ni cunta nnu fattarìallu e quanni,
ccu lla ciuccia jìa alla Sida, avìa vint’anni,
ccu lla notti, jùarni bìalli e jjùarni cupi,
ccu lla pagura e ti scontèari i dupi.
 
Chièanu chièanu allu riroggiu a sperra,
fa lli novi, e ccumi i tìampi e guerra,
mianz’assonnèati, dassèamu u focudèari,
e jjèamu a via e du dìattu, a rriposèari.
 
Mamma, spuna lli fìarri supa na seggitella,
minta nu pocu e acqua ìntra na conchettella,
e stuta lli carbuna; papà minta llu maschcu,
alla porta; fori a tramuntèana sempri fischca.
 
Pija a mmamma ppe lla mèana,
allu dìattu na pisanta cuverta e dèana,
s’ho ffattu tutt’i dua u signu e da cruci,
arrocchèati alli cuverti, ho stutèatu a duci.
Una fredda sera
 
Una fredda sera d’inverno, come tante,
siamo tutti riuniti al caminetto,
il vento fuori è di tramontana,
penetra camicia e maglia di lana.
 
Sono tanti gli spifferi di quella vecchia porta,
tappati alla meno peggio con pezzetti di carta;
la mamma sta intrecciando una calza,
e ogni tanto si riposa e si batte il petto;
 
Mentre lavora, dice il Rosario a Gesù Cristo,
chissà! Che cambi questo tempo tanto triste,
questo tempo di povertà e miseria,
che da tanto regna in questa casetta mia.
 
Il papà ha portato una manciata di castagne,
e, posata la padella sulla legna,
li rimescola fino a che non sono rosolate,
un po’ per uno, sbucciate e mangiate.
 
A poco a poco il fuoco sta per spegnersi,
la mamma con le pinze, inizia a stuzzicarlo,
ci mette un altro pezzo di legno di quercia,
tagliata in quel piccolo terreno incolto.
 
Il papà racconta un fatterello di quando,
con l’asino andava in Sila, aveva vent’anni,
con la notte, sia giorni belli e sia giorni brutti,
con la paura di incontrare i lupi.
 
Piano piano all’orologio la lancetta,
fa le nove e, come in tempo di guerra,
quasi assonnati, lasciamo il caminetto,
e andiamo a letto a riposare.
 
La mamma ripone i ferri su una seggiola,
versa un po’ d’acqua in un pentolino,
e spegne la brace; il papà mette la mandata,
alla porta; fuori la tramontana spira ancora.
 
Prende la mamma per mano,
al letto una pesante coperta di lana,
si hanno fatto il segno della croce,
avvolti nelle coperte, hanno spento la luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!