fbpx

U zappunu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
U zappunu
 
A cchilli tìampi tristi e dde puvertà,
un c’era nulla terra jerza e ccu rruvetti
zappaturi chi zappàvani e ccà e dde llà
e da matina prìastu fina alli setti.
 
Papà a sira prima u zappunu l’abbunèava,
ppe ssi nzodèari u maruggiu bellu fermu
a matina supa u muschcu su conzèava
e ss’abbijèava alli terri a passu carmu.
 
Appichèava lla giacca a nnu chjantunu,
u muccaturu annudèatu conzèatu alla frunta
na guardèata attùarnu si c’era ncunu
ma e nu cristijèanu un c’era mancu a mprunta.
 
Na sputazzèata alli mèani ppe scivudèari,
e cchilla terra jerza, pudita diventèava
ugnettanti na ncugnèata ppe ssi rimporzèari
quanni u maruggiu ccu lla terra s’allarghèava.
 
Chillu ntinnu e zappunu era musica ppe d’illu,
cangèava sùanu quanni trovèava stantu
jùarnu doppi jùarnu diventèava pittirillu
ma duccichijèava cumi d’oru e nu Santu.
 
Ccu ssu zappunu papà a nnua ni c’a crisciutu,
ccu ssu zappunu papà si c’è mmecchjèatu
e quanni a nna rasella ppe sempri lla rripunutu
assìami a d’illu c’a ripunutu u passèatu.
 
Ancora mò è ann’àngudu e barracca,
chjìnu e ruzza ccu llu maruggiu allarghèatu
quanni u gùardu u cori mia si spacca,
ca mi ricorda chillu chi ccu papà ha ppassèatu
 
mi vìagnini mmenti i tìampi tristi e tanni,
e quanni jìa a cchilli terri e d’era ducenti
mo i menti su ccrisciuti e ssi su ffatti ranni
e tu ppe d’illi un sìarbi cchiù a nnenti.
Lo zappone
 
In quel tempo triste e di povertà,
non c’era nessun terreno incolto e con rovi
zappatori che zappavano qua e la
dalla mattina presto fino alle sette.
 
Papà la sera prima lo zappone lo bagnava,
per assodare il manico bello fermo
al mattino sulla spalla lo poggiava
e s’incamminava a quei terreni a passo calmo.
 
Appendeva la giacca a un vetusto,
il fazzoletto annodato aggiustato in fronte
uno sguardo intorno se c’era qualcuno
ma di persone non c’era neanche l’ombra.
 
Una sputazzata alle mani per scivolare,
e quel terreno incolto, pulito diventava
ogni tanto una incuneata per rinforzarsi
quando il manico con la terra si allargava.
 
Quel tintinnio di zappone era musica per lui,
cambiava suono quando trovava duro
giorno dopo giorno diventava consumato
ma luccicava come l’oro di un Santo.
 
Con questo zappone papà a noi ci ha cresciuto
con questo zappone papà si è invecchiato
e quando in un angolo per sempre l’ha riposto
assieme ad esso vi ha riposto il passato.
 
Ancora oggi è in un angolo della baracca,
pieno di ruggine, con il manico allargato
quando lo guardo il cuore mio si spacca,
 mi ricorda quello che con papà ha passato.
 
Mi vengono in mente i tempi tristi di allora,
di quando andavi nei terreni ed eri lucente
ora le menti sono cresciute si son fatte grandi
e tu per loro non servi più a niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!