fbpx

Suduru e ccìnnara

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Suduru e ccìnnara
 
E’ nna càvuda jurnèata e agustu,
d’erba e da sidda è ssicchèata,
nu càvudu vìantu mina ccu ggustu,
e d’abbìsa ssa tristi jurnèata.
 
Na fumèata e duntèanu si vida,
pu, na vamba sempri cchiù rranna,
u vìantu ll’allarga e lla guida,
e ssempri cchiù rranna si spanna.
 
Tuttu distruggia e dduvi camina,
àrburi e frutti, chèasi, davuri,
ppe ssa genti e campagna è nna spina
c’ha ‘ntacchèatu ppe ssempri i suduri.
 
I sudura a ssi terri jettèati,
chi divèntani cìnnara amèara,
genti senza cori su stèati,
genti ccu lla menti quatrèara.
 
Mo, ti dicu, a ttìa chi si stèatu,
can u jùarnu nn’è rènnari cuntu,
e ssa macchia, e ssu rannu pecchèatu,
e intra a vita a persu…u nn’ha vintu.
 
Sudore e cenere
 
E’ una calda giornata d’agosto,
l’erba dall’aridità è secca,
un caldo vento spira con gusto,
e avvisa una triste giornata.
 
Una fumata da lontano si intravede,
poi una fiamma sempre più grande,
il vento l’allarga e la guida,
e sempre più grande la spande.
 
Tutto distrugge dove cammina,
alberi da frutti, case, campi di grano,
per la gente di campagna è una spina,
che ha intaccato per sempre il lavoro.
 
Il sudore nei terreni buttato,
che diventa cenere amara,
gente senza un cuore son stati,
gente con la mente bambina.
 
Ora ti dico, a te che sei il colpevole,
un giorno, dovrai renderne conto,
di quest’onta, di questo grande peccato,
e nella vita hai perso … non hai vinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!