A Madonna e du Pettirutu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A Madonna e du Pettirutu
 
Mmìanzu a dua muntagni e ssa Calabria bella
c’è nnu postu c’un su scorda chi c’è jjutu,
è nna ghjìasia ranna, ccu nna Madonnella,
è lla chèasa e da Madonna u Pettirutu.
 
U friscu e chill’àrburi lli fa ccumpagnìa,
d’acqua frisca e na jumèara lli càccia lla sidda
a ssettembri tanta genti lla cci va ccampìa,
unn’importa s’a jurnèata è ccavuda o è fridda.
 
Vèani ppe preghèari ssa Madonna chjina e oru
pàrtini e pajisi vicini e dde pajisi duntèani,
ppe ttanta genti è stipèata intra lu coru,
doppi ll’aviri preghèata, lli vàttini i mèani.
 
All’aria si senti ll’orduru e du mirtillu,
e cchillu ventarìallu u porta duve d’Illa,
accumpagnèatu e du cantu e nu cardillu,
ca Tu e ssa vallèata, ppe ttutti si lla stilla.
 
Ha ffattu miràcudi a bìacchji e a giuvanìalli,
a quanti famigli ha ffattu ritornèari a risa,
a cchill’irtu i mammi, mmrazza i quatrarìalli,
sàglini mpressa e lla fatiga nu lli pisa.
 
Avanti a ghjiasia c’è nna chiazza ranna,
ch’è nnu continuo e sonèari e d’abballèari
e da matina fin’a cquanti dustru spanna,
tant’allegria a ssa Madonna ll’èani e dèari.
 
Oh Madonnella mia, Madonnella e San Sosti,
 a chèasa ttua ha tìagnu mpìattu alla catinella,
ca cci nni su ppe ttutt’u munnu posti,
ma a chèasa tua, e tutti è lla cchiù bella.
La Madonna del Pettoruto
 
Fra due montagne di questa Calabria bella,
c’è un posto che non lo dimentica chi c’è stato
è una chiesa grande, con una Madonnina,
è la chiesa della Madonna del Pettoruto.
 
Il fresco di quegli alberi le tiene compagnia,
l’acqua fresca di una fiumara le toglie la sete
a settembre tanta gente gli va a far visita,
non importa se la giornata è calda o è fredda.
 
Vanno a pregare questa Madonna piena d’oro,
partono da paesi vicini e da paesi lontani,
per tanta gente è conservata nel cuore,
dopo averla pregata, le battono le mani.
 
Nell’aria si respira l’odore del mirtillo,
e quel venticello lo porta da Lei,
accompagnato dal canto di un cardellino,
perché Tu di questa valle per tutti Sei la stella.
 
Ha fatto miracoli a vecchi e a giovani,
a tante famiglie ha ridato il sorriso,
per quell’erta le mamme, in braccio i piccoli,
salgono in fretta e la fatica non la sentono.
 
Davanti la chiesa c’è una piazza grande,
ed è un continuo di suonare e ballare
dalla mattina fin quanta luce si spande,
tanta allegria a questa Madonna devono dare.
 
Oh Madonnina mia, Madonnina di San Sosti,
la tua casa c’è l’ho sul petto alla catenina,
c’è ne sono in tutto il mondo posti,
ma casa tua, tra tutte è la più bella.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!