fbpx

I votazioni

Il Vernacoliere di Angelo Canino
I votazioni
 
Quanni è ttìampu e votazioni,
mamma! quanti Berlusconi!
Ppe lli viji e ssu pajisu;
passu sbrignu e ppìattu tisu.
 
U ppu mancu caminèari,
stèani cumi i militèari,
ssu pajisu era bacantu,
mo s’è cchjinu intra nu nenti.
 
U giornèadu sutta i muschchi,
azzardanni cìantu fischchi,
vèani d’ùacchji scadijanni,
vèani d’ùacchji accaparranni.
 
Unu pija nnu tavudinu,
n’èatru ferma llu caminu,
nn’arricòglia cchiù cca po,
“sentiti chini parra mmo”!
 
Ti pruminta mèaru e mmunnu,
a fatiga e ppuru u cunnu,
pùniju chiusu e mmèana ferma,
ti pruminta lla caserma.
 
“ Iu u pontu v’u finìsciu,
siti stanchi e llu capisciu,
iu vèaiu apru a galleria,
e vvi chiudu a vecchia via.
 
Iu vi ‘ntippu tutti i fossi,
e d’appèaru puru i dossi,
vi bitumu u Cucuzzìallu,
v’abbellìsciu lu Castìallu.
 
Ca sign’iu senza difettu
e ffinìsciu u palazzettu,
vi prumintu, tantu mèadu,
ca raffùarzu lu spitèadu.
 
‘ncàcchiu i chèani ppe lla via,
e, ssi mi votèati a mmia,
ppe ccerèasu supa a torta,
dassu a ttutti aperta a porta”.
 
Vattimèani e tutta a genti,
chissu è d’illu è intelligenti!
Mo sperèamu c’u ffussa ssudu,
n’èatra pijèata ppe llu c…
Le votazioni
 
Quando è tempo di voti,
mamma! quanti Berlusconi!
Per le vie del paese;
passo svelto e petto teso.
 
Non puoi neanche camminare,
stanno come i militari,
questo paese era vuoto,
e si è riempito in un niente.
 
Il giornale sotto l’ascella,
azzardando cento fischi,
vanno gli occhi scrutando,
vanno gli occhi catturando.
 
Uno prende un tavolino,
un altro ferma i passanti,
ne raggruppa a volontà,
“sentite chi parla adesso”!
 
Ti promette mari e monti,
il lavoro e anche le donne,
pugno chiuso e mano ferma,
ti promette la caserma.
 
“Io il ponte lo porto a termine,
siete stanchi e lo capisco,
io inauguro la galleria,
e chiudo la vecchia via.
 
Io tappo tutte le buche,
e appiano tutti i dossi,
io bitumo a Cocozzello,
e abbellisco la Torre.
 
Perché son io senza difetti
e porto a termine il palazzetto,
vi prometto, ve lo giuro!
che amplio l’ospedale.
 
Tolgo i randagi dalla via,
e, se mi votate,
per ciliegina sulla torta,
lascio a tutti aperta la porta”.
 
Battimani di tutti i presenti,
questo si che è intelligente!
Ora, speriamo che non fosse solo
un’altra presa per i fondelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!