fbpx

U vinu è ssaduta

Il Vernacoliere di Angelo Canino
U vinu è ssaduta
Camignu ppe lla via cum’u serpenti,
a chèapa mi varìa a ddestra e a mmanca,
m’appùaggiu i mura mura, vèaiu a stenti,
a caminèata è ppisanta, quèasi arranca.
Acciàmpicu, vèaiu ‘nterra e ppu mi susu,
mi guardu ‘ntùarnu e llu munnu viju girèari,
puru a cammisa, e du troppi chjinu è ‘mpusu,
chini mi sconta, si gira a mmi guardèari.
E’ ttintu u vinu appena strivillèatu,
nu bicchìaru, na dampa, na quartina,
abbivìscia lli mùarti, sèana llu madèatu,
e d’iu ccu lla cannèata, mina e ttorn’e mmina.
Mi sìantu e stèari ccu lli Santi m’paravisu,
mi sùannu muntagni, prèati e jjuri,
i schcocchi nu mmi dàssani e du visu,
pìanzu a mmumenti e gioia e amuri.
mi vivu u vinu, mi ci curu puru a tussa,
giru i cantini ppe ttutti i cavarelli,
cchi ppiaciri chilla dampadina russa !!
cchi ppiaciiri chilli sirèati belli.
Camignu ccu lli sacchi sempri chjini,
mmudichèata a nna carta na pìscia sadèata,
na junta e nucilli, n’èatra junta e dupini,
giustu giustu, ppe nna spizzichèata.
I genti quann’i gguardu, i biu dua voti,
è llu vinu chi m’ha aumentèatu a vista !!
bàstani cinc’ o sia cannèati scoti,
affancudu mìadicu e ffarmacista.
E’ bùanu u vinu, u vinu è mmedicina,
e cquanni a vernèata fridda è ttrasuta,
àpriti cìadu!! Ch’è aperta la cantina !!
e ppe cchilli chèavi mi curu a saduta !!
Il vino è salute
Cammino per la via come il serpente,
la testa mi varia a destra e a sinistra,
mi appoggio lungo i muri, vado a stento,
il passo è pesante, quasi arranca.
Inciampo, cado a terra e poi mi alzo,
mi guardo attorno e il mondo vedo girare,
anche la camicia, dal troppo pieno è bagnata,
chi mi incontra, si gira a guardarmi.
E’ micidiale il vino appena travasato,
un bicchiere, una “lampa” un quartino,
resuscita i morti, sana il malato,
e io con la cannata, bevo e nuovamente bevo.
immagino di stare con i Santi in paradiso,
sogno montagne, prati e fiori,
le guance rosse non abbandonano il mio viso,
penso momenti di gioia e di amore.
Bevo il vino, ci curo anche la tosse,
giro per le cantine, in tutti i vicoli,
che gioia quella lampadina rossa!!
Che gioia quelle serate belle.
Cammino con le tasche sempre piene,
avvolta a una carta una sarda in salamoia,
un pugno di nocciole, un altro di lupini,
giusto l’occorrente per una colazione.
La gente quando la osservo la vedo doppia,
è il vino che mi ha aumentato la vista !!
bastano cinque o sei cannate scolate,
fanculo il medico e il farmacista.
E’ buono il vino, il vino è medicina,
e quando l’inverno freddo è arrivato,
apriti cielo!! È aperta la cantina!!
E in quei vicoli mi curo la salute !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!