fbpx

Nu tristi jùarnu e chèava

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Nu tristi jùarnu e chèava
 
Stamatina è tristi a cavarella,
nu vicinu stanotti si nn’è jjutu
ha ddassèatu a famiglia tanta bella
e mmo’ pur’u gattu è tristi e mmutu.
 
Persuna bonavoduta e rispettèata,
avìa ppe tutti nu sadutu e nnu sorrisu
“nu brèavu fatigaturu” era lla dittèata
suduru e ttìampu alli terri ll’ha spisu.
 
Mo è allu mmìanzu e ssa stanza,
alluciùtu e quattru cannidi mortacini
nu viarìallu e genti chjèanu avanza;
n’ùrtimu sadutu ccu garbu e modi fini.
 
Attùarnu i parìanti u sto’ preganni,
i fìmmini dìcini u risariu e ssu affritti
u chjàntu accumuna pìcciudi e rranni;
ricòrdani murmurianni chillu c’ha ffattu.
 
Nua quatrèari simu intra ssa chèava,
tutti tristi ca oji u ppotimu jochèari
cittu è dde stèari chini sempri cantèava
cittu è dde stèari senza parrèari.
 
Versu sira si vida nu prìavitu campijèari,
e ppu sudu chjàntu chi ‘ntacca llu cori
supa i spalli sto ppe ssu carrichèari
ppe llu portèari allu “pajisi” e chini mori.
 
Mo’ è ppassèata ssa brutta jurnèata,
addoderèati tutti, jèamu a nni curchèari
penzànni ssa persuna n’cìadu vudèata
penzanni u tìampu che dde caminèari.
Un triste giorno di vicolo
 
Stamattina è triste il vicolo,
  un vicino stanotte se n’è andato
ha lasciato la famiglia tanto bella
e ora anche il gatto è triste e muto.
 
Persona benvoluta e rispettata,
aveva per tutti un saluto e un sorriso
“un bravo lavoratore” era etichettato
sudore e tempo nei terreni lo ha lasciato.
 
Adesso è al centro di questa stanza,
con quattro candele dalla luce fioca
un viavai di gente lentamente avanza;
un ultimo saluto con garbo e modo fine.
 
Attorno i parenti lo stanno pregando,
le donne dicono il rosario e sono afflitte
il pianto accomuna piccoli e grandi;
ricordano mormorando ciò che ha fatto.
 
Noi ragazzi siamo in questo vicolo,
tutti tristi perché non possiamo giocare
zitto deve stare chi sempre cantava
zitto deve stare senza parlare.
 
Verso sera si vede un prete apparire,
e poi solo pianto che intacca il cuore
sulle spalle stanno per caricarlo
per portarlo al “paese” di chi muore.
 
Ora è passata questa brutta giornata,
addolorati tutti, andiamo a dormire
pensando questa persona salita in cielo
pensando il tempo che deve camminare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!