fbpx

A ragnatella

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A ragnatella
 
Intra u jardinu,
ci tìagnu nu pinàcchiu
allu curinu
c’è n’animadìcchiu
 
tutt’u jùarnu,
a nna cima richèama,
assimìa llu cuntùarnu
e du vedu e na dèama.
 
Nu fidillu argentèatu,
attacchèatu alli cimi,
ccu ccura ‘ntrizzèatu
e d’ùrtima alli primi.
 
Mo, u richèamu finitu,
ti ‘ngudìa a llu tocchèari,
e cchini tena chiuritu
ha ffinitu e campèari.
 
Ca illu è lla, mo c’aspetta,
na guardèata lli duna,
senza a minima fretta
si na musca si spuna.
 
Chissu è geniu prufunnu,
ppe ppotiri mangèari,
tutti quanti allu munnu,
èane potiri campèari.
La ragnatela
 
Nel giardino,
ho un piccolo pino,
e alla cima
c’è un animaletto.
 
Tutto il giorno,
a un ramo ricama,
sembra il l’orlo
del velo di una dama.
 
Un filo argentato,
legato ai rami,
con cura intrecciato
dall’ultimo ai primi.
 
Adesso, il ricamo è finito,
 ti invoglia a toccarlo,
e chi ha la voglia,
ha finito di vivere.
 
Perché lui è li che aspetta,
e uno sguardo gli dà,
senza la minima fretta,
se una mosca si posa.
 
Questa è genialità profonda,
per poter mangiare,
tutti quanti al mondo
devono poter vivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!