fbpx

Grazie

Bata - Via Roma - Acri

Egregio Direttore,

le molteplici manifestazioni di stima e di affetto ricevute in occasione del mio compleanno mi sollecitano a rispondere e a ringraziare tutti coloro, e sono stati tanti, che hanno avuto per me parole e gesti amorevoli.  Essi hanno provocato in me un terremoto emozionale fatto di ricordi e di riconsiderazioni sul mio operato, sia da medico che da uomo.

Il Dottore Conocchia è la prima persona a cui rivolgo il mio grazie: è stato lui, con il suo affettuoso articolo, a risvegliare ricordi, apprezzamenti e riconoscenza in tutto il paese e a regalarmi migliaia di contatti da parte di persone care e riconoscenti. Quello con il dottore Conocchia è un rapporto antico, che ha dato a entrambi la possibilità di conoscersi a fondo e di crescere insieme, nel senso più completo del termine. Dopo la licenza liceale, al momento della scelta della facoltà universitaria, caldeggiai la sua iscrizione a Medicina.  Gli dissi con chiarezza che quel mondo aveva bisogno di persone valide, serie e responsabili quale lui era. Oggi, infatti, egli è una voce autorevole nel suo campo e oltre.

Ringrazio anche lei, egregio Direttore, per gli Auguri, ma anche per aver voluto estendere  la notizia al di fuori del nostro paese attraverso il suo articolo sul Quotidiano del Sud.

Mi lasci solo fare una considerazione in questo momento di maturità avanzata: su questa terra, e oggi come sempre,  l’uomo è sottoposto a una vita non sempre facile e nella sofferenza, anche solo psicologica, ci si sente soli e disorientati. Chi soffre va rispettato e curato. Alleviare le sofferenze fa bene a chi soffre ma fa bene anche a chi riesce a tendere amorevolmente una mano.  Ancora grazie.

Con stima, Pasquale Iulia

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!