fbpx

Ùaminu nìvuru

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ùaminu nìvuru
 
E ppu nu jùarnu, d’ùaminu nìvuru ha ddecisu,
ccu lla menti pazza e lla vòglia e potiri
e caccèari a ppìcciudi e rranni, u sorrisu
a mmammi, a ppèatri, a ssurdèati, fèari moriri
 
Pàrtini e bèani na matina e da fina e frevèaru,
mìssili e bummi ccu d’acìalli ferrèati
mitrhagliatrhici ppe tterra e ppe mmèaru
mitrhi e ffucidi intr’i carrarmèati ammuccèati.
 
Pàrtini e bèani senza sapiri si c’è lla ricota,
vèani ammàzzani innocenti e du stessu sangu
cumi po’ ccancèari na menti a nna vota?
Cumi po’ ppassèari e du dìastrhu allu mancu?
 
Mammi assurmèati s’abbràzzani i figli,
e nu vitrhu e du trenu, n’ùrtima guardèata
pàrtini e vèani duntèanu milli migli
i dàcrimi all’ùacchji ppe lla terra dassèata.
 
Ùaminu nìvuru, e da sporca cuscìanzia,
ha caccèatu a gioia e strhazijèatu famigli
alli quatrhèari ll’ha cancèatu a vivìanzia
cchi cci cunti a sira alli tua figli?
 
Quanni ti ‘nquàtrhani, nu marmu assimiji,
nu marmu è llu cori, nu marmu a guardèata
ccu quèadu coraggiu ti nni va ppe lli viji?
Ugne passu chi duni, zampi genti ammazzèata
 
Ppe llu potiri chi t’ha annèglièatu a vista,
ùaminu nìvuru, tu si ffattu ccu lla ccetta,
un t’avantèari e ssa trhisti cunquista
ca quanni mùari u ‘mpìarnu è lla chi t’aspetta.
Uomo nero
 
E poi un giorno, l’uomo nero ha deciso,
con la mente pazza e la voglia di potere
di togliere a piccoli e grandi, il sorriso
a mamme, a padri, a soldati, far morire.
 
Partono e vanno, un mattino di fine febbraio,
missili e bombe, con uccelli di ferro
mitragliatrici, per terra e per mare
mitra e fucili nei carrarmati nascosti.
 
Partono e vanno senza sapere se c’è ritorno,
vanno a colpire innocenti dello stesso sangue
come può cambiare una mente in un attimo?
Come può passare da bravo a cattivo?
 
Mame impaurite che abbracciano i figli,
da un finestrino di un treno, l’ultimo sguardo
partono e vanno, lontano mille miglia
le lacrime agli occhi per la terra lasciata.
 
Uomo nero, dalla sporca coscienza,
hai tolto la gioia e straziato famiglie
ai bambini gli hai cambiato il vivere
cosa racconti la sera ai tuoi figli?
 
Quando ti inquadrano un marmo somigli,
un marmo è il cuore, un marmo lo sguardo
con che coraggio te ne vai per le vie?
Ogni passo che fai calpesti gente ammazzata.
 
Per il potere che ti ha annebbiato la vista,
uomo nero, tu sei fatto con l’ascia
non vantarti di questa triste conquista;
 quando morirai, l’inferno è li che ti aspetta.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!