fbpx

A duminica e na vota

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A duminica e na vota
 
Cum’era bella a duminica e na vota,
rispettèata e putighèari e dde fatigaturi,
era llu jùarni c’a famiglia era rricota,
u jùarnu chi s’asciuttàvani i suduri.
 
Mammarella s’azèava dde prim’ura,
priparèava llu quèatru e di maccarruna
doppi fatti, a nna tovaglia i mintìa ccu ccura
i gguardèavi e nzapurèavi già i vuccuna.
 
Papà si facìa lla varba e lli capilli ccu lla riga,
sacciu cumi parìa a llu vìdari cangèatu,
tutti i jùarni ccu lli rrobbi e da fatiga,
e oji, ccu lla todetta chi si c’è spusèatu.
 
Nua èramu tutti chjini e cuntentizza,
alla scoda ppe nnu jùarnu un si cci jia,
era puru u jùarnu e da carna e dda sazizza,
a cchilli tìampi e fidannèara un si vidìa.
 
Un c’èrani i ràdiji, un c’èrani i televisioni,
e un c’èrani nemmeni i cellulari,
c’era llu stèari n’cumpagnìa, àtrica moni!
Erani tanti i fattarìalli de cuntèari.
 
Quanni mrunèava, èramu ammusceccheati,
ca a matina doppi prìastu n’avìami e azèari
n’aspettàvani torna i temi e lli dettèati
e alli ranni a zappa ppe zzappèari.
 
E ppassèava, passèava chilla vita affranta,
aspettanti ccu ll’anzia n’èatra vota,
chilla jurnèata santa …
… chilla bella duminica e na vota.
La domenica di quei tempi
 
Com’era bella la domenica di quei tempi,
rispettata dai bottegai e dai lavoratori,
era il giorno dove la famiglia era riunita,
il giorno che si asciugava il sudore.
 
Mamma si alzava di buon ora,
preparava lo spianatoio dei maccheroni
dopo fatti, su una tovaglia li metteva con cura
li guardavi e assaporavi già i bocconi.
 
Papà si faceva la barba e i capelli con la riga,
mi sembrava strano vederlo cambiato,
tutti i giorni con i vestiti da lavoro,
e oggi, con l’abito con cui si è sposato.
 
Noi eravamo tutti pieni di allegria,
a scuola per un giorno non si andava,
era anche il giorno della carne e della salsiccia
a quei tempi, i giorni feriali non si mangiava.
 
               Non c’erano le radio, e le televisioni,
e non c’erano nemmeno i cellulari,
c’era lo stare in compagnia, altrochè oggi!
Erano tanti i fatterelli da raccontare.
 
Quando faceva buio eravamo rattristiti,
il mattino dopo, presto ci dovevamo alzare,
ci aspettavano di nuovo i temi e i dettati
e ai grandi, la zappa per zappare.
 
E passava, passava quella vita affranta,
aspettando con ansia nuovamente,
quella giornata santa …
… quella bella domenica di quei tempi.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Giuseppe Greco ha detto:

    Il vecchio proverbio diceva: quand’è bello ricordare i tempi felici nella miseria.
    Questa poesia mi ha portato indietro di qualche tempo, quannu iami alla chiazza ad accatteari i fichipadetti, i dupini, ec…..A Padia venivano in parecchi a vedere la televisione a casa nostra.Sapete che mio fratello Angelo Greco,era l’unico tecninico che li riparava. Veramente bellissima questa poesia.
    Scusatemi del dialetto improvvisato
    In abbraccioi a tutti della redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!