Alla fonta de pumpia

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

Alla fonta de pumpia

Alla fonta de pumpia

na “padumma”

tutt’i jùarni, de bon’ura jìa

i capilli avìa rricùati

ccu lli trizzi mìanzi sciuati

u “stifagnu”* arroccidèatu

bellu ‘mpèaru avìa cconzèatu

nu “rizzudu”* e crita russa

stèava, cumi nenti fussa

illa, i mèani a lli menzini

chilli passi e di cchiu ffini

àvuta, bella, asciutta

tanta carna alli prisutta

chillu pìattu tisu tisu

u cchiù bìallu e du pajisu

assimijèava na modella

tanti ch’era bella!

apprìassi a d’illa

vìacchji, giuvani, ricconi

assimijèava na processioni

tutt’i jùarni

chi, affaccèati e di barcuni

chi, assettati alli scaduni

aspettàvani ur’e d’ura

chillu donu e da natura

ch’e lla passèava

e chilla via e da chèava

e lla passèava e jjia

alla fonta de pumpia.

Alla fonte del pompio

Alla fonte del pompio/ una ragazza/ tutti i giorni di buon mattino andava/ i capelli teneva raccolti/ con le trecce quasi sciolte/ lo “stifagno” arrotolato/ bello fermo aveva aggiustato/ un “rizzudo” di creta rossa/ stava, come niente fosse/ lei, le mani ai fianchi/ quei passi eleganti/ alta, bella, esile/ tanta carne alle gambe/ quel seno bello teso/ il più bello del paese/ sembrava una modella/ tanto era bella/ dietro di lei/ vecchi, giovani, ricconi/ sembrava una processione/ tutti i giorni/ chi si affacciava dal balcone/ chi si sedeva sui gradini/ aspettavano ore ed ore/ quel dono della natura/ che di la passava/ da quella via della cava/ di la passava e andava/ alla fonte del pompio.

*STIFAGNU: fazzoletto di stoffa arrotolato e posto sul capo per far stare in equilibrio ceste, panieri ecc.

*RIZZUDU: contenitore di ceramica per l’acqua.

Angelo Canino

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!