Ccu lli spalli allu sudu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ccu lli spalli allu sudu
 
Ccu lli spalli allu sudu,
zappa llu zappaturu,
alla fica, ha attacchèatu u mudu,
alla frunta, ha attacchèatu u muccaturu.
 
Sputa lli mèani,
ppe u scivudèari u zappunu,
i zappunèati vèani,
a cchillu stantunu.
 
Aumenta llu suduru,
aumenta lla stanchizza,
si ‘nzuppa llu muccaturu,
a musca, u mudu stizza.
 
Ccu lli spalli allu sudu,
vers’u sìmitu, avanza,
a terra frolla, dassèata allu cudu,
ppe cchiantèari speranza.
 
Chissa vita a stianti tira,
chissa vita e zappaturu,
dà matina fin’a ssira,
ccu lli spalli allu sudu.
Con le spalle al sole
 
Con le spalle al sole,
zappa lo zappatore,
al fico,ha legato il mulo,
in fronte, ha legato il fazzoletto.
 
Sputa le mani,
per non scivolare la zappa,
le zappettate vanno,
su quel duro terreno.
 
Aumenta il sudore,
aumenta la stanchezza,
si bagna il fazzoletto,
la mosca, il mulo stuzzica.
 
Con le spalle al sole,
verso il limite, avanza,
la terra mossa, lasciata dietro,
per piantare speranza.
 
Questa vita, a stenti tira,
questa vita di zappatore,
dalla mattina fino a sera,
con le spalle al sole.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!