A pippa

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A pippa
 
Nu jùarnu e astèati dduve nnannuzzu signu jutu,
era assettèatu ‘nterra a nn’urma e murajancu
a chèapa vàscia, u visu mùsciu e stèava mmutu
si capiscìa ca ss’ominìcchju era propiu stancu.
 
A nna banna avi anna ràdica e schcantrhamèanu,
nu serràcchju e nnu taglienti curtìallu
all’èatrha banna, u morsìallu ccu llu pèanu,
supa na cima, i mullichi aspettèava nn’acìallu.
 
Chilla ràdica stèava ssempri alla squatrhèari,
ccu cchill’occhjuzzi stanchi e ccu ppoca vista
na bella pippa, s’avìa mmisu mmenti e cci fèari,
ca pàmpini e tabbaccu nn’avìa nna bella cista.
 
Serrèava llu serràcchju, taglièava llu curtìallu,
e cchilla bella ràdica cchju pippa diventèava
nannuzzu si prejèava, oji! Cchi vvisu bìallu!
Puru chill’ acìallu cuntìantu u guardèava.
 
Quanni pu è ffinita, ll’avìa dde carrichèari,
lla cchjina bella ‘ncutta e ddoppi lla appiccèata,
illu chjinu e cuntentizza s’è mmisu a ppippijèari
e ppe nnu mumenti a menti s’è acquetèata.
La pipa
 
Un giorno d’estate dal nonno sono andato,
era seduto per terra all’ombra di un gelso
il capo chino, il viso floscio e stava zitto
si capiva che quest’omino era proprio stanco.
 
A un lato aveva una radice di erica,
un seghetto e un tagliente coltello
all’altro lato il fagotto con il pane,
 su una cima, un uccello aspettava le briciole.
 
Quella radice veniva sempre “squadrata”,
con quegli occhi stanchi e con poca vista
una bella pipa, si era prefissato di fare,
perché foglie di tabacco ne aveva un bel cesto.
 
Segava il seghetto, tagliava il coltello,
e quella bella radice sempre più pipa diventava
il nonno si compiaceva, oh! Che bel viso!
Anche quell’uccello contento lo ammirava.
 
Quando poi è terminata, la doveva caricare,
l’ha piena per bene e dopo l’ha accesa,
lui, pieno di allegria si è messo a fumare
e per un momento la mente si è rilassata.
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!