U sinèadu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U sinèadu
 
I fìmmini e na vota ll’usàvani tutti,
ppe lla fatiga e da chèasa era dde aiutu
‘ncuna ll’usèava ppe ammuccèari i gonni rutti
‘ncuna cci tenìa nu ritrhattu e du figliu partutu
 
A ‘ncuna ll’è sserbutu puru cumi muccaturu,
si cci asciuttèava lli dàcrimi e du chjantu
 s’a ‘ncunu chèaru u chjamèava llu Signuru
e llu coru ll’avìa spezzèatu e affrantu.
 
Lli serbìa ppe ffèari appiccèari u fùacu,
ccu lli mèani, e di zinni venìa sbentaglièatu
o ppe anninnèari u quatrhèaru ccu nnu jùacu
fina c’u llu vidìa addormentèatu.
 
A nonna mia, mi ricùardu c’u tenìa ricamèatu,
intrha i sacchi cc’èrani sempri cannarutiji
na vallèana, na nucilla o nu dupinu sadèatu
ppe nni caccèari i vogli e ttutti i gudìji.
 
Cci mintìa ll’ova quanni jìa allu gallinèari,
na ‘nzadèata frisca quanni all’ùartu jìa
cci ammuccèava lli righèadi e di quatrhèari
si cci asciuttèava lli mèani, si mpusi i ttenìa.
 
Cci mintìa pipi, pisilli e ddumincèani,
i mida, i pira, i cucuzzi e lli patèati
u tenìa rricùatu e strhintu ccu lli mèani
sempri supa a gunnella, vìarni e astèati.
 
Ugnettanti lli serbìa ‘nchèapu e llu scioglìa,
u ‘ntorcinijèava e stifagnu diventèava
cci conzèava llu rizzudu quanni all’acqua jìa
e ccaminanni a via e da chèasa mpèaru stèava.
 
Chèaru sinèadu biallu! Assimìa cunn’era nenti
Assimìa ch’era sudu nu pìazzu e ‘mpicèata
mma mmeci si sserbutu a ttanta genti
prima c’u tìampu facissi na cancèata.
Il grembiule
 
Le donne di un tempo lo usavano tutte,
per i lavori in casa era di aiuto
qualcuna lo usava per celare le gonne rotte
qualcuna vi teneva una foto del figlio partito.
 
A qualcuna gli è servito come fazzoletto,
vi si asciugava le lacrime dopo aver pianto
se a volte qualche caro veniva a mancare
e il cuore l’aveva spezzato e affranto.
 
Gli serviva per far accendere il fuoco,
con le mani agli angoli, veniva sventagliato
o per fare la nanna al bimbo con un gioco
finché non lo vedeva addormentato.
 
Mia nonna ricordo che l’aveva ricamato,
nelle tasche vi erano sempre golosità
una nocciolina, un’arachide o un lupino salato
per toglierci le voglie e tutti gli sfizi.
 
Vi metteva le uova quando andava al pollaio,
un’insalata fresca quando all’orto andava
vi nascondeva i regali dei bambini
vi si asciugava le mani se erano bagnate.
 
Vi metteva peperoni, piselli, melanzane,
le mele, le pere, le zucche e le patate
lo teneva raccolto e stretto con le mani
sempre sopra la gonna in inverno e in estate.
 
Ogni tanto gli serviva in testa e lo slegava,
lo attorcigliava e cèrcine diventava
vi poneva l’orciuolo quando andava alla fonte
e camminando verso casa stava in equilibrio.
 
Caro grembiule! Sembra che non eri niente,
sembra che eri soltanto un pezzo di stoffa
invece sei servito a tanta gente
prima che il tempo facesse una svolta.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!