U cerèasu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U cerèasu
 
Tìagnu nu cerèasu avanti a porta,
ccu tanti cimi a cchilli pranzi ranni
mmecchjarunèatu, mo tena quarant’anni
e pur’illu scunzudèatu aspetta lla morta.
 
Cci ll’avìa chjantèatu d’ottantatrhia,
d’annu c’avìa ‘ncignèatu a ffèari a chèasa
un c’era propiu nenti chilla rèasa rèasa,
e cchillu chjantunu, bìallu assèai cci parìa.
 
A nna vota s’è ffattu rannu e rrùassu,
a pprimavera e juri janchi si carrichèava
a mmèaiu quanti cerèasi russi chi portèava!
E ddu sapuru chi tenìani ti collèava d’ùassu.
 
E astèati facìa nn’urma ranna e ffrisca,
e d’era nnu pìaciri a tti cci jiri a ccurchèari,
i pàmpini si movìani, e tu a tt’addormentèari
a tti sonnèari a Mmacudèata e da Ffrancisca.
 
Quanti poesiji mi cci su bbenuti mmenti!
Quanni allu pedichèaru era stennicchjèatu,
poesiji e amuru e ppoesiji e du passèatu,
e du buanistèari e dde quanni un c’era nnenti.
 
Supra i pranzi e ssu cerèasu era nna festa,
ca ugne mumenti si cci spunìani acìalli
pichi, mìarudi, pettirussi e ccarcarìalli
ppe ppizzudijèari o ppe ripèaru e na tempesta.
 
Quanni c’èrani chilli belli jurnèati e astèati,
allu friscu e chilli pàmpini, supa nu tavudinu
c’era pparèatu vinu, pasta, carna e spezzatinu
e d’era ssempri na festa ccu cchilli mmitèati.
 
Mo m’affàcciu e du barcunu e tti viju stancu,
ccu ppochi pàmpini e ffriscu no cchiù ddùnani
d’acìalli sudu ppe rriposèari si cci spùnani,
e a pprimavera un si cumi na vota jancu.
 
Chèaru cerèasu, na vita m’ha fattu cumpagnìa,
m’ha dunèatu friscu, ccu cchilli pranzi spèasi,
m’ha dunèatu panèari e ccannistrhi e cerèasi,
u ttrhica e mmùari e d’è trhisti ssu cori mia.
 
Il ciliegio
 
Ho un ciliegio davanti casa,
con tante fronde su quei grossi rami
invecchiato, adesso tiene quarant’anni
e anche lui sconsolato aspetta la morte.
 
Lo avevo trapiantato l’ottanta tre,
l’anno che avevo iniziato a costruire casa
non c’era niente da nessuna parte,
e quella pianta, di bell’aspetto sembrava.
 
In un niente è diventato grande e grosso,
a primavera di fiori bianchi si vestiva
a maggio, quante ciliegie rosse portava!
E per il buon sapore ingoiavi pure il nòcciolo.
 
In estate dava un’ombra grande e fresca,
ed era piacevole andare a coricarci,
al fruscio delle foglie, ti addormentavi
e sognavi a Immacolata ed a Francesca.
 
Quante poesie, mi ha ispirato!
Quando alla sua base ero disteso,
poesie d’amore e poesie del passato
del benessere e di quando non c’era niente.
 
Sui rami di questo ciliegio era una festa,
perché ogni momento vi si posavano uccelli
gazze, merli, pettirossi e falchi pellegrino
per beccare o per ripararsi da un temporale.
 
Quando c’erano le belle giornate in estate,
al fresco delle foglie, su un tavolino
c’era vino, pasta, carne e spezzatino
ed era sempre festa con gli invitati.
 
Ora, mi affaccio dal balcone e ti vedo stanco,
con poche foglie che non danno più ristoro
gli uccelli si posano solo per riposarsi,
e a primavera non sei bianco come un tempo.
 
Caro ciliegio, una vita mi hai fatto compagnia
mi hai dato frescura con quei rami sparsi,
mi hai dato panieri e ceste di ciliegie,
tra un po’ morirai, ed è triste il cuore mio.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!