fbpx

Munnu amèaru/Mondo amaro

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A pùrbara ammùccia llu sudu,
i spèari si spànnini ‘ncìadu
s’ho scordèatu e da vita, u caduru,
chì è senza na mèana, chì senza nu pìadu.


Senza mangèari, i facci ‘ncavèati,
tintu destinu e quanni su nnèati,
dàssani tuttu, fùjini e notti,
accumpagnèati e di spèari e ddi botti.


Quatrèari chi chiàngini amèari,
intra a neglia ‘ncerca e di chèari,
alla faccia c’è scrittu u terrori
èani vistu ccu ll’ùacchji chi mori.


Arrivèati alla riva e du mèari,
ll’ho ppijèati li pochi suduri,
carrichèati cumi animèadi
jìani ‘ncerca e nu munnu a ccuduri.


Chi ha ffurtuna è arrivèatu alla riva,
chi u nni tena è ppastu e di pisci,
n’èatra pagina tinta si scriva
e ssu munnu c’ancora u ccapisci.


Ma, a cunnanna e chini è arrivèatu
u nn’è ffinita alla riva e du mèari,
chini e d’acqua ppe grazia è ssarbèatu,
tena ancora di cchi triburèari.


Chiusi a nna vàvuda cumi animèadi,
ccu ccancellèati e ffìarru spinèatu,
trattèati mèadi, supa d’èatru mèadi,
ppecchì ssu prìazzu chèaru paghèatu?


Aprimu d’uacchji, u nn’è llu quaranta,
quanni de fèama cci nn’era ttanta,
chissi su ttìampi de lu progressu,
ma c’è genti ch’e fèama mori llu stessu.


Oji Tu e lla ssupra, cànci’a cheapa allu dùardu
fa che di guerri sia ssudu ricùardu,
fa ca lu munnu, amassa tutti i cuduri,
fa chi regnassa lla pèaci e ll’amuru.
La polvere nasconde il sole,
gli spari rimbombano in cielo
si son scordati della vita, il calore
chi è senza una mano, chi senza un piede.


Senza mangiare, i visi incavati,
mero destino da quando son nati,
lasciano tutto, scappano di notte,
accompagnati da spari e da botti.


Bambini che piangono amaro,
nella nebbia in cerca dei cari,
sul viso c’è scritto il terrore,
hanno visto con gli occhi chi muore.


Arrivati alla riva del mare,
gli hanno preso quei pochi denari,
caricati come animali,
andavano in cerca di un mondo a colori.


Chi ha fortuna è arrivato alla riva,
chi non ne ha, è pasto dei pesci,
un’altra pagina nera si scrive,
di questo mondo che ancora non capisci.


Ma, la condanna di chi è arrivato,
non è finita alla riva del mare,
chi dall’acqua per grazia è salvato
ha ancora di che tribolare.


Chiusi in un recinto come animali,
con cancellate e filo spinato,
trattati male, su altro male,
perché questo prezzo caro pagato?


Apriamo gli occhi, non è il quaranta,
quando di fame c’è n’era tanta,
questi sono tempi del progresso,
ma c’è gente che di fame muore lo stesso.


Oh! Tu da lassù, cambia la testa al vile,
fa che delle guerre sia solo ricordo,
fa che il mondo, ami tutti i colori,
fa che regni la pace e l’amore.
Bata - Via Roma - Acri
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading

Rispondi

error: Contenuto protetto!